Esploratori dell’Artico rinchiusi in una piccola cabina nell’arcipelago norvegese delle Svalbard

(Galileus Web) – Quando Hilde Falun Strom e Sunniva Sorby hanno intrapreso una lunga spedizione nell’Arcipelago delle Svalbard Artico lo scorso settembre, il loro obiettivo principale era incoraggiare la conversazione sui cambiamenti climatici nelle regioni polari.

Dopo aver trascorso quasi nove mesi a raccogliere dati e campioni per i ricercatori di Basembu, a 140 chilometri dal “vicino più vicino”, gli avventurieri erano tutti pronti a dire addio alla piccola cabina di legno che avevano hanno chiamato a casa dall’inizio del loro viaggio.

Tuttavia, come è stato il caso di molte persone in tutto il mondo, i loro piani sono stati brutalmente congelati a causa della pandemia di coronavirus.

Ora la coppia non ha altra scelta che rimanere tagliata fuori dalla civiltà con una sola per l’altra per la compagnia, con il loro cane Ettra e vari orsi polari, renne e oche, fino a quando una nave può attraversare per riportarli a casa.

“Avevamo molto freddo”, ha detto Strom alla Galileus Web Travel via telefono satellitare. “Non c’è elettricità. Niente acqua corrente. È stato difficile, ma è la zona più bella che tu possa immaginare.”

Strom e Sorby hanno trascorso due anni a pianificare il progetto chiamato Cuori nel ghiaccio, che le videro diventare le prime donne della storia a svernare nell’Artico senza un membro dell’equipaggio maschio.

Mentre a Basembu, il duo ha raccolto dati meteorologici e sulla fauna selvatica, monitorato nuvole, ghiaccio marino e agenzie per agenzie internazionali come il Norwegian Polar Institute e la NASA.

I due, che si conoscono da circa sei anni, hanno anche vissuto nell’oscurità totale per tre mesi, che descrivono come un’esperienza “non per il cuore più debole”.

“Nessuno di noi ha vissuto così vicino, 24/7 in un piccolo spazio [their cabin was built for whalers in the 1930s] con chiunque “, dice Sorby.

“Quindi ha avuto le sue opportunità e sfide di apprendimento. Ma non è successo nulla qui che non abbiamo capito insieme.

“Poi a marzo, la Terra ha iniziato a ruotare fuori dal suo asse e tutto ha iniziato a cambiare.”

“Siamo più utili qui”

Hilde Falun Strom e Sunniva Sorby sono intrappolati nella remota regione di Bamsebu, nell’arcipelago norvegese delle Svalbard.

Cuori di cortesia nel ghiaccio

Sebbene abbiano scarso accesso alla tecnologia a Basembu, Strom e Sorby, che lavorano entrambi nel turismo polare, sono stati tenuti informati sugli sviluppi di Covid-19 dal loro team di social media.

Ma non sapevano quanto fosse grave fino a quando non fu chiaro che il loro “viaggio di ritiro” di quattro giorni, durante il quale famiglia, amici, sponsor e partner scientifici sarebbero arrivati ​​in un la nave per recuperarli all’inizio di maggio, non poteva procedere. .

“Ci sono state molte lacrime”, afferma Sorby, che vive in Canada. “È stato davvero difficile. La stessa nave che ci avrebbe lasciato a settembre ci avrebbe prelevati.

“Non ci siamo trasferiti da questo posto da quasi nove mesi e alcune delle stesse persone in cui ci siamo alzati e ci hanno detto addio si dicevano che fossero lì.

“Ma il resto del mondo ha vissuto molte tragedie per la salute e tante altre delusioni per tutto ciò che è stato cancellato. Quindi eravamo tutti nella stessa barca, per così dire.”

Delusione a parte, la coppia, che ha scritto un libro sulle loro esperienze, sono determinati a sfruttare al meglio la situazione attuale e hanno scelto di rimanere a Basembu fino a settembre per continuare il loro lavoro.

“Avevamo un obiettivo quando siamo partiti e continueremo”, ha detto Strom.

“Ci sentiamo più utili qui che a casa. Ma è difficile perché non siamo con la nostra famiglia e gli amici.”

Sorby condivide questo sentimento, osservando che sono in una posizione migliore per alcuni aspetti perché non sono stati “contaminati” dalla disperazione che la pandemia di coronavirus ha accumulato in tutto il mondo negli ultimi mesi.

“Resteremo nel dipartimento delle buone notizie”, aggiunge. “Abbandonare questo progetto significherebbe sacrificare il nostro obiettivo e ciò che apprezziamo e difendiamo come donne.

“Quindi non è mai stata un’opzione per noi per fermare questo. Indipendentemente dal costo per noi emotivamente e finanziariamente.

“Onestamente abbiamo fatto molta ricerca nell’anima. Abbiamo entrambi più di 50 anni. E teniamo molto ai nostri valori e al modo in cui ci presentiamo al mondo.”

Conflitto turistico nell’Artico

Immagini da

Strom e Sorby sono le prime donne nella storia a “svernare” nell’Artico senza un membro del team maschile.

Cuori di cortesia nel ghiaccio

Il fatto che le navi turistiche non siano in grado di viaggiare verso le Svalbard, a metà strada tra la Norvegia e il Polo Nord, a causa delle restrizioni di viaggio globali significa anche che attualmente vengono raccolti meno campioni di dati.

“Le navi turistiche danno grande valore agli scienziati raccogliendo osservazioni di acqua salata e nuvole”, afferma Sorby.

“I turisti partecipano ai programmi di scienze dei cittadini a bordo della nave. Ma quest’anno non c’è nulla di tutto ciò.

“Lo scorso agosto, abbiamo avuto una nave qui ogni giorno con tra i 60 e gli 80 ospiti. Le piccole navi iniziano ad arrivare a maggio e le navi più grandi a giugno.”

Di conseguenza, il duo ha scoperto di essere le uniche persone nel loro campo a raccogliere attivamente ghiaccio marino o fitoplancton in quel momento.

“Per noi ha senso continuare così da non perdere alcun set di dati”, aggiunge Sorby. “Pensiamo che ci sia un grande valore in questo”.

La stagione turistica dell’Artico va da maggio a settembre, il che significa che se le restrizioni persistono, quest’anno ci sarà poco o nessun turismo nella regione.

“L’intera comunità delle Svalbard è stata colpita duramente da Covid-19 e da tutte le restrizioni sui viaggi”, ha detto Strom, che ha vissuto a Longyearbyen, il principale insediamento qui, per diversi anni. “È davvero evidente ed è una grande cosa per l’industria del turismo.

“Ma hanno iniziato ad aprirsi agli ospiti dalla Norvegia da giugno, quindi dovremo solo vedere come vanno le cose.”

Negli ultimi anni si è discusso molto dei rischi ambientali del turismo nell’Artico, principalmente a causa dell’aumento del numero di navi da spedizione costruite per navigare nelle acque dell’Artico e dei pericoli derivanti dalle emissioni le navi possono presentare.

L’anno scorso, il governo norvegese ha rilasciato un comunicato stampa indicando che sta prendendo in considerazione un divieto di olio combustibile pesante (HFO) nonché una limitazione delle dimensioni delle navi passeggeri alle Svalbard al fine di gestire la crescita del turismo e proteggere la fauna selvatica locale.

Tuttavia, come hanno indicato Strom e Sorby, anche la regione beneficia notevolmente del turismo.

Hilde Kristin Rosvik, direttore del giornale locale Svalbardposten recentemente ha parlato di questo conflitto, spiegando che se i locali apprezzano il denaro e la consapevolezza generati da questo turismo, il numero di persone che entrano può essere travolgente.
“Ora che l’estrazione del carbone è molto meno di una volta, l’istruzione, la ricerca e il turismo sono parti importanti dell’economia”, ha affermato Rosvik. dillo a Forbes L’anno scorso.

“Il problema è che troppi turisti arrivano contemporaneamente da una nave. Questo crea attrito in una comunità così piccola.”

Coinvolgi una comunità globale

Immagini da

Il duo ha usato l’energia solare e i mulini a vento per l’elettricità e ha raccolto i giornali per gli incendi durante l’inverno.

Cuori di cortesia nel ghiaccio

Le Svalbard sono anche tra le regioni della Terra più colpite dai cambiamenti climatici.

Le temperature medie annue sono aumentate di quattro gradi Celsius dal 1970, mentre le temperature invernali sono aumentate di oltre sette gradi, secondo un rapporto del Centro norvegese per i servizi climatici nel 2019.

Strom e Sorby furono costretti a lanciare Hearts in the Ice a seguito di tali eventi, con l’obiettivo di “coinvolgere una comunità globale nel dialogo sul cambiamento climatico e su ciò che tutti possiamo fare”.

Tra le raccolte di dati, ospitano “incontri” video in diretta con studenti e insegnanti di tutto il mondo per diffondere la notizia. Hanno anche un blog che fornisce aggiornamenti sui loro progressi.

Le due donne affermano di avere difficoltà a comprendere l’enormità di ciò che sta accadendo oltre la loro posizione molto remota.

“È una strana svolta di eventi”, aggiunge Sorby. “Non avremmo mai potuto immaginare, quando abbiamo iniziato questo auto-isolamento volontario, che il mondo intero sarebbe stato in isolamento involontario.

“È ancora molto difficile coprirti la testa.”

La coppia, che ha usato l’energia solare e i mulini a vento per l’elettricità, è molto consapevole che tornerà in un nuovo mondo una volta che questa nave sarà finalmente arrivata e che molte delle cose per cui sono in possesso acquisito in passato sarà completamente cambiato.

Ad esempio, il loro lavoro: Strom come product manager per un tour operator Hurtigruten, e Sorby come direttore vendite globali per Latitudini polari — non esiste più.

“Il modo in cui coltiviamo il significato nel nostro mondo è attraverso il viaggio e il collegamento delle persone attraverso paesi e culture e attraverso la creazione di ambasciatori ambientali”, afferma Sorby.

“È molto strano che si fermi e ci troviamo disoccupati, come molte persone lì.

“Non torniamo nello stesso mondo. Non torniamo al nostro lavoro.

“Quindi continuiamo a rimanere qui per essere rilevanti per l’altra crisi che il nostro mondo sta affrontando, che è la crisi climatica”.

Una primavera “silenziosa”

Immagini da

I due si sentono “più utili” dove sono e hanno deciso di rimanere a Basembu fino a settembre.

Cuori di cortesia nel ghiaccio

Tuttavia, sperano che qualcosa di buono possa venire da questo, in relazione al libro “Silent Spring” del 1962 di Rachel Carson, che raccontava come le popolazioni di uccelli negli Stati Uniti furono colpite dall’uso diffuso di pesticidi.

“Il mondo è in una” primavera silenziosa “molto diversa, dove prende un respiro molto profondo, e dobbiamo guardare e osservare”, afferma Sorby.

“E penso che molte persone stiano rivalutando come funzionano, come vivono e come viaggiano.

“È molto interessante per quelli di noi nel settore del turismo polare.

“Come possiamo far scoprire alle persone diversi paesaggi, diverse culture e diverse aree specialmente protette?

“Il modo in cui lo facciamo è importante. Dobbiamo cercare di capire come ridefinirlo. Quindi, questo è un momento interessante.”

Strom spera che il viaggio sostenibile, già un tema caldo prima della pandemia, diventerà un modo di vivere piuttosto che un semplice movimento.

“Come viaggiatori, avremo una visione diversa di come viaggiamo [in the future],” lei dice.

“Troveremo operatori sostenibili e altri mezzi di trasporto al fine di evitare impatti ambientali tanto quanto in passato.

“Penso che sarà una nuova direzione per tutti noi.”

Mentre le due donne sono ansiose di vedere finalmente la loro famiglia e i loro amici, oltre a fare una doccia calda e un cappuccino, sono attualmente in pace in isolamento e in attesa di una primavera molto calma (ma non tutti è silenzioso).

“Non c’è traffico”, dice Sorby. “Nessun parassita nell’aria. Nessun aereo. Nessun traffico marittimo. Quando usciamo, sentiamo solo i suoni del ghiaccio e del vento.

“Troviamo molta forza nel nostro obiettivo e nella nostra visione, ma anche nella natura che ci circonda.

“Questo è qualcosa che tutti possono capire. [We can all] uscire e sentire il potere della natura. Fai una passeggiata, una corsa o un giro in bicicletta. Madre natura ha molto da offrire. “

Strom e Sorby stanno attualmente raccogliendo fondi tramite a Pagina GoFundMe aiutare “estendere la tecnologia, la raccolta di scienze dei cittadini e la consapevolezza educativa” alle scuole di tutto il mondo.
Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *