F1, Sergio Perez ha il coronavirus

Sergio Perez non parteciperà al GP di Gran Bretagna, in programma domenica 2 agosto sul circuito di Silverstone.

Il pilota messicano Racing Point è risultato positivo per Coronavirus .

Dopo non essere apparso sul circuito giovedì dopo la scelta di autoisolamento, conseguenza del test con un risultato “incerto”, ma che il team si era qualificato come “inconcludente”, per Perez, che aveva saltato la giornata i media dedicati alle conferenze stampa sono le rivelazioni più scioccanti e amareggiate, emerse dopo che l’ex McLaren è stato testato nelle ore successive.

Posizione immediata assunta dal Formula 1 e la FIA, che ha emesso una nota congiunta: “Perez è entrato in quarantena secondo le istruzioni delle autorità sanitarie pubbliche competenti e continuerà a seguire la procedura stabilita da tali autorità”.

“Con l’aiuto dell’organizzatore locale del Gran Premio di Gran Bretagna, delle autorità sanitarie locali e del delegato FIA COVID-19, è stata intrapresa un’iniziativa di tracciabilità completa e tutti i contatti stretti sono stati messi in quarantena “.

Quindi, la specifica che il GP non è in pericolo: “Le procedure stabilite dalla FIA e dalla Formula 1 prevedono un rapido controllo di un incidente che non avrà un impatto più ampio sull’evento di questo weekend “, leggiamo di nuovo.

A questo punto il Punto di gara dovrà fare affidamento pilota di riserva per affrontare l’intero weekend di gara. Nelle prossime ore verrà indicato il nome del pilota che lavorerà a fianco Giro in lancia Per quanto riguarda quella che è una vera piastrella per la squadra inglese, rivelazione della prima parte della stagione: grazie a due sesti, due settimi e un quarto posto, quest’ultimo ottenuto da Stroll in Ungheria, Racing occupa il quarto posto nella classifica di produttori dopo tre gare, dietro Mercedes, Red Bull e McLaren, ma davanti a Ferrari e Renault.

OMNISPORT | 07-30-2020 22:46

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *