fan in un gruppo! Ganna con Carapaz e Bora-hansgrohe davanti – OA Sport


CLICCA QUI PER AGGIORNARE LIVE LIVE

15.32 Meno di 40 chilometri dal traguardo.

15:30 Circa quaranta uomini nel primo gruppo, ci sono praticamente tutti i grandi nomi.

15.28 Il gruppo attaccante è cresciuto: INEOS e Bora-hansgrohe hanno deciso di non continuare, pacchetto compatto.

15.26 I fuggitivi perdono minuti in un piccolo spazio: ora 4 ‘di margine.

15.24 Fabio Aru è nel gruppo dietro, lasciato senza compagni di squadra. Con lui anche Yates e Bennett.

15.23 Due corridori di INEOS e due di Bora lavorano di fronte, mentre Carapaz, Majka e Großschartner sono a riposo.

15.22 Il plotone sta reagendo ora, ma le trenad di Ganna sono davvero devastanti.

15.20 Gruppo principale che ha sicuramente perso circa 30 secondi nel team Bora / INEOS. Tuttavia, questa situazione è in continua evoluzione.

15.18 Con Ganna, c’è Carapaz per il team INEOS, poi tutto Bora-hansgrohe. Oltre al leader Großschartner, anche Fabbro e Majka.

15.17 DEVANTI GANNA! I piemontesi guidano il gruppo principale, composto da dieci uomini.

15.16 Gruppo diviso in più sezioni, il vento soffia molto forte.

15:15 A 50 anni dalla fine della corsa, i fuggitivi perdono secondi dopo secondi.

15.14 In testa troviamo sicuramente Carapaz e Felix Großschartner, il leader della classifica. Per supportare molte ali, incluso il campione del mondo in pista, Filippo Ganna.

15.13 UNA FAN A LEADER DEL GRUPPO! Bora-hansgrohe e il team INEOS fanno la differenza!

15.11 Il gruppo ha difficoltà a stare insieme, i sostenitori possono formare.

15.09 Attenzione al vento che ora inizia a soffiare forte e anche di lato: potrebbe cambiare le carte sul tavolo.

15.05 Il gruppo ha ora preso il ritmo: il vantaggio è sceso sotto i 7 ‘.

15.02 60 chilometri al traguardo.

15:00 Ricordiamo che gli aggressori sono gli spagnoli Roger Adrià e Francisco Galván (EKP), l’olandese Jetse Bol, il colombiano Juan Felipe Osorio (BBH), gli altri iberici Gotzon Martín (EUS) e Joel Nicolau (CJR), l’ungherese Marton Dina (KTX), il belga Edward Theuns (TFS) e il kazako Nikita Stalnov (AST). 8 ‘vantaggio rispetto al gruppo.

14.57 Foto dell’evasione:

14:54 Bora Hansgrohe che molto probabilmente dovrà abbandonare il comando nella classifica generale e la maglia del leader oggi, indossata dall’austriaco Felix Großschartner, vincitore della prima frazione.

14:48 Ultima salita a Picòn Blanco che offrirà anche molte idee interessanti per le prossime gare, rappresentando infatti la prima impegnativa salita del gruppo in condizioni meteorologiche avverse nel post-coronavirus.

14:42 Vantaggio che per alcuni minuti si è stabilizzato a 8’20 “per i cavalieri in fuga che si stanno dirigendo verso l’obiettivo di volo della giornata, prima delle ultime due ripide salite.

14:36 ​​Calore soleggiato e sensuale atteso al momento dell’arrivo al Picon Blanco: condizioni climatiche che potrebbero diventare i veri protagonisti di questa tappa.

14:30 Gruppo che nel frattempo ha finalmente cambiato ritmo e ha iniziato lentamente a trovare i 9 fuggitivi. Il vantaggio è ora di 8’20 “, ma la chiara sensazione è che le squadre di grandi scalatori possono facilmente ridurre ulteriormente il divario nei prossimi chilometri.

14:24 Attaccanti che, a 90 km dal traguardo, stanno per entrare nel terzo GPM della giornata: l’Alto de Ailanes.

14:18 Dai primi 50 km della gara con il gruppo in carica, che ha raggiunto la città di Pesquera de Ebro con 9’20 “davanti al gruppo che li sta inseguendo, ha appena colpito.

14:12 Distacco che continua ad aumentare drammaticamente: i nove fuggitivi ora hanno un margine di 10’25 “! Gruppo che continua ad aspettare furtivamente.

14:06 Drappello degli attaccanti che nel frattempo hanno superato il secondo GPM della giornata, in cui l’iberico Gotzon Martin ha vinto di nuovo.

14:00 Vantaggio che continua ad aumentare in modo significativo: al km 37, i minuti del gruppo di capitani scendono a 9. I fuggitivi che iniziano a sperare, nonostante tutte le controindicazioni del caso, di avere almeno una possibilità di ‘arriva in fondo al loro attacco.

13:54 Forward che hanno appena superato il primo MOC del giorno, Alto Escaròn (terza categoria), in questo ordine: 1- Gotzon Martin, 2- Jetse Bol, 3- Juan Osorio.

13:48 Vantaggio dei fuggitivi che nel frattempo continuano ad aumentare in modo vertiginoso, con il gruppo che sembra non avere ancora l’intenzione di chiudere i 9 attaccanti. La squadra, a 132 km dalla fine, è infatti rafforzata da un vantaggio di 6’55 “.

13:42 Per la frazione di oggi, i nomi più caldi sembrano essere quelli dell’iberico Alejandro Valverde, del colombiano Nairo Quintana, del giovanissimo Remco Evenepoel (Belgio) e di Richard Carapaz (Ecuador) e due cavalieri in cerca di redenzione come l’azzurro Fabio Aru e il britannico Simon Yates.

13:36 Ieri, un palcoscenico che ha visto il trionfo di Fernando Gaviria, che ha vinto il transalpino Arnaud Demare e il grande favorito del giorno Sam Bennett. Quarto posto per un più che discreto Matteo Trentin, che è anche salito al terzo posto nella classifica generale.

13:29 Un caldo soffocante che a sua volta continua ad assalire i corridori che devono vivere con asfalto caldo che continua a emettere calore e li costringe a rinfrescarsi costantemente.

13:23 Grande attesa, tra i favoriti della giornata, per l’esibizione che il basco Mikel Landa può offrire, che ha già trionfato su questo palco nel 2017.

13:17 Corso unico della gara per Francisco Galvan che si ritrova in fuga per il terzo giorno consecutivo, in una fase tutt’altro che favorevole a un possibile lungo tentativo.

13:11 Una gara di 9 corridori si è formata immediatamente e provano a lasciare il gruppo attaccante dai primi chilometri. I membri del team sono gli spagnoli Roger Adrià e Francisco Galván (EKP), l’olandese Jetse Bol, il colombiano Juan Felipe Osorio (BBH), gli altri iberici Gotzon Martín (EUS) e Joel Nicolau (CJR), l’ungherese Marton Dina (KTX), il belga Edward Theuns (TFS) e il kazako Nikita Stalnov (AST).

13:05 Questo è il profilo del palcoscenico di oggi che, sebbene breve, conterrà 4 GPM e, naturalmente, l’ultima temuta lacrima di Picon Blanco.

13:00 La direzione della gara annuncia che Jonathan Lastra di Caja Rural non parteciperà alla salita a causa di problemi gastrointestinali che si sono verificati durante la notte.

12:55 Il gruppo si dirige verso l’inizio ufficiale della tappa.

12:50 Da oggi è appena iniziata la frazione che si estenderà da Sargentes a Picon Blanco, per un totale di 150 chilometri ricchi di salite e insidie.

12:45 Ciao a tutti e benvenuti a LIVE LIVE della terza tappa della Vuelta a Burgos 2020.

La presentazione della terza fase

Ciao e benvenuto a LIVE LIVE della terza parte della Vuelta a Burgos 2020 che, dopo il brivido delle prime due tappe, propone infine di spostare la classifica generale della competizione con la sua difficile finitura in salita verso Picon Blanco, dopo 8 chilometri con pendenze superiori al 9%.


Nella scena, chi prenderà il lontano da Sargentes e coprirà un totale di 150 km, come detto, gli scalatori più forti del gruppo faranno la voce forte, possibilmente con un attacco che potrebbe iniziare dalle pendenze dell’ultima lacrima e che potrebbe tagliare le gambe dei capitani che erano diventati troppo stanchi sugli altri 4 contrasti MMP in precedenza.

Gli spagnoli sono sicuramente tra i favoriti per la vittoria sul palco Alejandro Valverde e Mikel Landae il belga Remco Evenepoel (apparso sulla palla nella prima frazione), con un occhio che dovrebbe essere rivolto ai sudamericani Nairo Quintana (Colombia) e Richard Carapaz (Ecuador) e sugli inglesi Simone yates.

Per il Bel Paese, molta curiosità per la prima importante rassegna di questa stagione per la Sardegna Fabio Aru, dovrebbe mostrarsi immediatamente in grado di ottenere la fiducia dei suoi Emirati Arabi Uniti il ​​più presto possibile in vista di un Tour, il suo obiettivo dichiarato, in cui dovrà condividere le fila di capitano con il piccolo talento sloveno Tadej Pogacar.

La tappa di oggi inizierà alle 12:45, con OA Sport che ti offrirà LIVE LIVE dell’evento dal primo minuto, per non perdere un momento della parte più intrigante di questa tanto attesa edizione numero 42 della Vuelta a Burgos.

[email protected]

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOVITÀ IN CICLISMO

Fai clic qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere mi piace alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per unirti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse


Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *