GELO E NEVE GONFIANO I PREZZI – come riparare alla mancanza di...

GELO E NEVE GONFIANO I PREZZI – come riparare alla mancanza di frutta e verdura

256 views
0
CONDIVIDI

La gelata e la quantità di neve caduta sin da prima dell’inizio dell’anno ha davvero penalizzato tutto mercato, dai consumatori ai produttori: +20% durante il mese di gennaio.

Specialmente al Sud, dove si produce il 61% degli ortaggi italiani e il 97% degli agrumi nazionali, sono stati compromessi e bloccati nei magazzini aziendali interi raccolti; inoltre le cattive condizioni meteo hanno rallentato la circolazione dei tir e quindi le consegne di prodotti freschi lungo la filiera, con conseguenze immediate sul rialzo dei prezzi al consumo.

Il maltempo ha distrutto le coltivazioni anche in Spagna, che con l’Italia è il principale fornitore di ortofrutta dell’Unione Europea, dove si è verificato un crollo delle disponibilità con il rincaro dei prezzi conseguente.

Come riparare a questa necessità? Innanzitutto, come avverte la Coldiretti è giusto sapere che non tutti i rincari sono giustificabili. Alcuni prodotti come mele, pere e kiwi sono già stati raccolti da tempo: quindi, se vedete prezzi alti, semplicemente cambiate fornitore.

Inoltre, se nel cambio di stagione si necessita maggiormente di rincarare le dosi di vitamine, ricordiamoci che è sempre meglio preferire produzioni locali, o acquisti direttamente dall’agricoltore, ove possibile, che non sono soggetti a trasporti lunghi e difficili.

Coldiretti ha stilato un vademecum per la frutta e verdura di cui consiglia di verificare l’origine nazionale per essere sicuri della stagionalità. Nella lista, si consiglia anche di effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo, onde evitare di far marcire la frutta e la verdura.

LASCIA UN COMMENTO