GIOCHI BENE A CALCIO? Non è solo questione di muscoli

GIOCHI BENE A CALCIO? Non è solo questione di muscoli

132 views
0
CONDIVIDI

Nella ricerca di nuovi talenti, le società calcistiche si concentrano soprattutto sulle caratteristiche fisiche dei giocatori, trascurando la loro intelligenza. Secondo un nuovo studio condotta dai neuroscienziati del Karolinska Institut, in Svezia, quanto siamo bravi con il pallone risulta invece associato anche allo sviluppo dei nostri processi cognitivi.

I ricercatori hanno somministrato a 30 giovani giocatori di calcio particolarmente talentuosi i test utilizzati in neuropsicologia clinica per misurare le funzioni alla base della capacità di pianificare e controllare il nostro comportamento, come l’attenzione e la memoria di lavoro. I punteggi più alti ai test sono stati raggiunti dai giocatori che hanno segnato il maggior numero di goal negli ultimi due anni.

I risultati della ricerca, pubblicata sulla rivista PlosOne, mostrano l’importanza di esami ad ampio spettro nella valutazione delle potenzialità dei giovani calciatori. “Credo che i formatori cominceranno a utilizzare i test cognitivi sempre di più, sia per scovare nuovi talenti che per decidere in che ruolo devono giocare”, ha dichiarato Predrag Petrovic, a capo del gruppo di ricerca.

LASCIA UN COMMENTO