“Grazie mamma invece di sputare sul passato”


Naike Rivelli attacchi Adriano Celentano su Instagram per aver rivelato la sua relazione segreta con sua madre in passato, Ornella muti. Adriano Celentano e Ornella Muti hanno girato insieme due film “Crazy in love” e “The Tamed Shrew”: hanno avuto una storia d’amore mentre lui era fidanzato con Claudia Mori e lei era la compagnia di Federico Facchinetti. Per far luce sulla storia di una confessione del Molleilato nel 2014, Muti non è piaciuta e avrebbe voluto essere informato prima delle sue intenzioni.

Leggi anche> Previsioni del tempo: ritorno del caldo africano

Naike sul suo account Instagram è tornata sull’argomento con un lungo post. Condividendo, attacca pseudo giornalisti, influencer e famiglie potenti: “Ci sono presentatori televisivi“ pseudo giornalisti ”che fanno pettegolezzi televisivi spazzatura – scrive sui social – e giornalismo di parte. E quando si tratta di loro, sono vaghi. Abbiamo influencer che ignorano le chiamate importanti di altre donne come se non avessero valore. Ci sono famiglie storiche italiane che pensano di essere onnipotenti e cercano di governare il paese, fingendo di essere rose e fiori, quando i mostri si nascondono dietro le quinte. Tutte le persone che si credono intoccabili anche nei loro abusi. Nel mio mondo siamo tutti uguali e ognuno è responsabile delle proprie azioni ”.

Il riferimento diretto ad Adriano Celentano: “Ps) Aggiungo. Caro Adrian, invece di sputare tristi commenti sul passato, perché non ringraziare tua mamma che, grazie a questi due film che hai fatto con lei, ti ha reso famoso come attore in tutto il mondo! “.


Ultimo aggiornamento: martedì 18 agosto 2020, 14:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Elario Necci

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *