Hanno comprato una casa da $ 1 in Italia, poi il successo di Covid-19

(Galileus Web) – Quando le città italiane hanno iniziato a offrire case in vendita per poco più di $ 1, hanno ispirato legioni di sognatori a correre il rischio di trasferirsi in un angolo remoto dell’Italia.

Mentre spendere qualche migliaio di dollari in più per rinnovare la proprietà di solito fa parte dell’accordo, è stato ammorbidito dalla prospettiva di una nuova vita in una posizione idilliaca in un bellissimo paese.

E poi il coronavirus ha colpito, facendo precipitare il mondo in crisi, con l’Italia tra i paesi più colpiti.

Quindi cosa succede quando sei messo in quarantena in una casa in rovina in un villaggio isolato dove a malapena parli la lingua e non riesci a tornare a casa dai tuoi cari? La vita sta rapidamente diventando un incubo?

Forse, date le difficoltà che ne sono seguite, la risposta sembra essere no.

La Galileus Web ha parlato con alcune persone che hanno acquistato alcune delle case italiane offerte a prezzi bassi dalle città che desiderano invertire la tendenza al declino della popolazione.

Li abbiamo trovati ottimisti e desiderosi di completare il rinnovamento della loro proprietà e di realizzare il loro sogno italiano.

Nonostante l’inaspettata svolta degli eventi, sembra che il blocco in Italia non sia stata un’esperienza così negativa dopo tutto.

E la crisi del virus ha fatto loro apprezzare ancora di più la bellezza dei villaggi rurali italiani, tanto che alcuni cercano di investire in proprietà più economiche.

Perdere la traccia

Mussomeli si trova su una collina in Sicilia.

Salvatore Catalano, comune di Mussolemi

L’artista di Miami Alvaro Solorzano è attualmente bloccato a Mussomeli, una pittoresca cittadina sull’isola meridionale della Sicilia, dove l’anno scorso ha acquistato due proprietà economiche, una delle quali costa solo un euro o poco più di un dollaro.

A marzo, è arrivato con moglie, figlio e fidanzata per iniziare a rinnovare le case. Gli altri tre tornarono a Miami e Solorzano li avrebbe seguiti poche settimane dopo, ma il suo volo fu successivamente cancellato.

“Ho perso la cognizione del tempo. Siamo venuti qui insieme e ho finito per vivere quarantenne a Mussomeli da solo, senza mobili, solo un letto e una televisione e nessuno con cui parlare”, ha detto. ha detto alla Galileus Web. “È stata la cosa più difficile. Se mia moglie o mio figlio fossero stati con me, sarebbe stato diverso.”

casa

Una delle proprietà di Solorzano a Mussomeli.

Solorzano aveva alloggiato in un B&B, ma quando chiuse a causa delle restrizioni Covid-19, fu costretto a trasferirsi nella zona in rovina delle sue due proprietà, che era approssimativamente abitabile.

Da allora, sta perdendo tempo guardando la TV, imparando l’italiano, andando al supermercato (“la parte migliore della giornata”) e parlando al telefono con la sua famiglia. A poco a poco, ha sfruttato al meglio la situazione riparando e dipingendo le pareti della casa.

“Ho fatto piccole cose ma mi ha aiutato a sfruttare il mio tempo, quindi quando mio figlio e la sua ragazza torneranno, la loro casa sarà pronta”, dice. “Fortunatamente, il negozio di ferramenta in città è sempre stato aperto e sono molto felice di aver acquistato due proprietà e non solo una casa da un euro perché non ha né acqua né elettricità.”

Eroe locale

Mussomeli, città italiana

Alvaro Solorzano di Miami afferma che i residenti locali hanno reso la sua permanenza forzata a Mussomeli un’esperienza piacevole.

Maurizio Di Maria, comune Mussomeli

Nonostante un calvario iniziale, afferma che i suoi nuovi vicini lo hanno aiutato durante tutto il calvario.

“Le prime due notti sono state terribili”, dice. “Faceva freddo, ho dormito con la giacca sul pigiama ma i vicini erano fantastici. Non posso lamentarmi. Mi hanno dato dei radiatori e mi hanno persino offerto delle coperte, che avevo, ma potevo usare la loro Internet “.

“Continuavano a seguirmi, mi hanno portato tonnellate di cibo per Pasqua, che mi ha portato tre giorni a mangiare. Non so cosa avrei fatto senza di loro.”

torte pasquali

Solorzano ricevette i dolci pasquali dai suoi vicini.

Mussomeli, circondato da caprifoglio ed eucalipto, ha una delle fortezze più mozzafiato d’Italia, conosciuta come il castello incantato, che pende come un ragno su una roccia tagliente.

Fertili terreni agricoli verdi sono costellati di vecchie miniere di zolfo, santuari, necropoli romane e tracce di insediamenti primitivi.

Il nome della città significa “collina del miele” in latino.

Ma per Solorzano le attrazioni più dolci del luogo sono i suoi accoglienti residenti.

“Sono meravigliosi, conosco tutti per nome”, dice. “C’è Mario, il ragazzo che consegna il pane. Non ho parole per descrivere quanto sono grato di averli e non so come potrei mai ripagarli per tutto quello che hanno fatto “.

All’inizio, le severe restrizioni in Italia si attenuarono, permettendogli di camminare, ma all’inizio fu difficile, ammette, perché non c’era nulla da fare. “È stato terribile, stando solo a casa, a volte volevo essere in prigione.”

Impero immobiliare

alvaro

Solorzano dice che ora conosce tutti per nome.

Ora ama essere in grado di chattare con la gente del posto e fare una passeggiata al punto di vista Mussomeli, dove può sedersi su una panchina e godersi l’aria fresca e le viste sulle montagne.

Come pittore, Solorzano afferma che gli sarebbe piaciuto fare arte, ma a causa del blocco non riuscì a trovare una tavolozza o una tela.

Mussomeli, città italiana

Solorzano vuole acquistare un’altra proprietà a Mussomeli.

Maurizio Di Maria, comune Mussomeli

“Sto lavorando duramente per tornare a casa, ma anche un volo che ho prenotato di recente è stato cancellato, quindi non so davvero quando tornerò negli Stati Uniti”, ha detto. “Voglio tornare prima della festa del papà a giugno. Ho già perso così tanti festeggiamenti che avrei potuto festeggiare con la mia famiglia.”

La quarantena siciliana di Solorzano gli fece amare ancora di più Mussomeli. Il calvario, invece di aver ucciso l’entusiasmo per la sua avventura di una casa euro, ha alimentato il desiderio di acquistare un terzo edificio abbandonato.

“Adoro questa città e le persone, anche se non ti conoscono, ti aiutano. È come se fossi in un altro mondo. Non lo capisci negli Stati Uniti.”

Intrappolato in Toscana

verde infuocato

Il brasiliano Douglas Roque, raffigurato qui con suo cugino, è stato bloccato in Toscana durante la preclusione dell’Italia.

Douglas Roque

L’uomo d’affari brasiliano Douglas Roque è un altro acquirente di casa fatiscente il cui entusiasmo per iniziare una nuova vita non è stato ostacolato dal coronavirus.

Roque si trovava a Fabbriche di Vergemoli, in Toscana, per sovrintendere alla ristrutturazione di una casa colonica di un euro quando venne bloccato il blocco e il suo volo di ritorno fu annullato.

Con il suo amico brasiliano-italiano Alberto Da Lio, entrambi di San Paolo, i due erano anche in città per supervisionare il potenziale acquisto di un’area completamente abbandonata per altri acquirenti brasiliani.

Se non fossero stati in grado di alloggiare nella casa di famiglia di Da Lio vicino a Venezia, con alberghi chiusi a Vergemoli e una casa abbandonata totalmente inabitabile, non avrebbero avuto nessun posto dove andare, dice Roque.

sindaco di ricino

Roque, a destra, è rappresentato qui con il sindaco di Fabbriche di Vergermoli, Michele Giannini.

Douglas Roque

Fabbriche di Vergemoli è un gruppo di frazioni sparse nella foresta protetta delle Alpi Apuane, dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. L’area è costellata di rovine di case abbandonate di minatori ricoperte di vegetazione. Molte aree sono accessibili solo a piedi.

La fatiscente fattoria a tre piani di Roque, che comprende una cantina di castagni e vecchie botti di vino dimenticate, si trova nel quartiere Dogana, dove un torrente incontaminato scorre sotto un antico ponte pittoresco.

“Stavo per iniziare il restyle, poi tutto è stato bloccato”, afferma Roque. “È stato terribile, il nostro volo di ritorno è stato cancellato e abbiamo avuto problemi con il consolato brasiliano.

“Sono venuto qui a febbraio per continuare a rinnovare la mia casa, tutte le scartoffie erano finite, ero pronto per andare ma non potevo continuare. E la mia famiglia è in Brasile, dove il virus è aumentato. Sono preoccupato per loro e loro sono preoccupati per me. ”

Pezzo di perfezione

Roque Douglas Village

Roque cerca anche di acquistare altre case nei villaggi per i connazionali brasiliani.

Per gentile concessione di Douglas Roque

I due amici hanno anche dovuto affrontare le conseguenze di un soggiorno prolungato: la seccatura dei limiti mensili delle carte di credito e dei cambi di vestiti stagionali quando sono arrivati ​​in inverno e ora è quasi primavera (fortunatamente, hanno scoperto guance più leggere a Da Lio).

In attesa della ripresa del traffico aereo mondiale, Roque è impaziente di mettere piede a Vergemoli non appena le autorità italiane revocano le restrizioni ai movimenti tra le regioni, una decisione prevista all’inizio di giugno.

“Durante tutto questo tempo, ho cercato di lavorare sul mio progetto online, contattando le società di costruzioni e collaborando con altri acquirenti, amici e parenti brasiliani interessati all’acquisto di un immobile a Vergemoli. ma chi non può viaggiare adesso. Spero di finalizzare tutto presto “. ”

Roque afferma di aver scelto Vergemoli da tutti i posti in Italia per acquistare una casa per un euro perché, nonostante tutto quello che è successo, rimane una destinazione da sogno.

“La Toscana è una regione meravigliosa e le grandi città storiche e artistiche si trovano nelle vicinanze. È il posto perfetto.”

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *