Heinrich Himmler: Come un francobollo falso ha portato alla cattura del leader delle SS naziste

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Heinrich Himmler era il capo delle SS e un architetto chiave dell’Olocausto

Un documento essenziale per la cattura dell’alto nazista Heinrich Himmler fu scoperto nel Regno Unito 75 anni dopo la sua morte. Gli oggetti appartenenti al capo delle SS, trovati in possesso di un giudice, devono ora essere visualizzati.

Il 22 maggio 1945, un trio di strani uomini fu individuato da una pattuglia vicino a un posto di blocco a Bremervörde, nella Germania settentrionale.

Erano passate solo poche settimane dalla fine della seconda guerra mondiale, ma molti nazisti erano ancora in fuga e alcuni temevano che alcuni potessero tentare di riorganizzarsi o fuggire.

Due uomini, vestiti con lunghi soprabiti verdi eleganti, camminavano di fronte a un terzo uomo. La figura finale, sfoggiando una benda sull’occhio, sembrava rotta e spettinata. La coppia davanti guardò indietro come per assicurarsi che fosse ancora lì.

Furono portati a un posto di blocco dove i soldati britannici chiesero di vedere i loro documenti. Consegnarono il documento di identità in formato A4 consegnato ai soldati tedeschi alla fine del conflitto, che indicava il loro nome, grado, data di nascita e altre informazioni. I documenti del terzo uomo indicavano che era un sergente di nome Heinrich Hizinger.

Deve aver sperato che il documento e il suo rango modesto significhino che passerebbe attraverso i checkpoint. Si era sbagliato.

Nel documento c’era un timbro ufficiale e l’intelligence militare britannica aveva visto lo stesso timbro e gli stessi dettagli dell’unità usati dai membri delle SS che cercavano di fuggire. E si è sparsa la voce che chiunque altro con questi dettagli dovrebbe essere trattenuto.

Copyright dell’immagine
Museo di intelligence militare

Leggenda

Documenti Himmler, completi di falso nome e timbro

Il mattino seguente, i tre uomini furono portati in un campo di detenzione.

Una volta lì, Hizinger chiese di vedere un alto ufficiale. Sebbene la sua copertina fosse ancora intatta, doveva temere che non sarebbe durato a lungo e forse sperava di poter negoziare la sua uscita dalla situazione. Quindi si tolse la benda e rivelò con calma chi era veramente.

Era Heinrich Himmler, l’uomo che aveva guidato le SS e un architetto chiave dell’Olocausto.

Dopo la morte di Hitler nel suo bunker, questo lo rese uno dei nazisti più ricercati ancora in vita e un uomo responsabile di molti dei peggiori crimini del Terzo Reich.

La squadra britannica iniziò a interrogarlo per confermare che era quello che aveva detto.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Himmler al fianco di Adolf Hitler

Alcune ore dopo, a un ufficiale medico, il capitano Wells, fu chiesto di controllare Himmler. Quando venne a guardarsi in bocca, vide un piccolo oggetto dalla punta blu nascosto nella sua guancia.

Mentre il capitano Wells tentava di rimuoverlo, Himmler lottò con il dottore, allargò la testa e schiacciò l’oggetto tra i denti. Era una capsula di cianuro. Era morto in pochi minuti.

Himmler aveva ricevuto un falso timbro che la sua stessa gente aveva inserito in un documento. I documenti incriminanti sono rimasti nascosti per 75 anni, ma ora possono essere visti per la prima volta dopo essere stati donati al Military Intelligence Museum di Shefford, nel Bedfordshire.

E accanto ai giornali, c’è un elemento leggermente più strano: le bretelle che Himmler indossava quando è stato catturato.

La caccia ai souvenir era comune e molti degli oggetti personali di Himmler furono recuperati (uno dei sergenti che fece l’arresto iniziale prese le pantofole di Himmler, qualcun altro prese la sua schiuma a radersi e le sue lame di rasoio).

Nel caso dei documenti, sono stati recentemente donati dalla nipote del tenente colonnello Sidney Noakes.

Copyright dell’immagine
Museo di intelligence militare

Leggenda

Il tenente colonnello Sidney Noakes avrebbe interrogato Himmler prima della sua morte

Noakes, nato nel 1905, era un avvocato che si unì all’Intelligence Corps nel 1943, ma fu distaccato presso l’MI5. Gran parte di ciò che ha fatto all’MI5 rimane avvolto nel segreto, ma dopo la guerra è tornato alla sua carriera legale, diventando infine un giudice del tribunale della contea. Muore nel 1993.

Quindi come è finito con i documenti?

I documenti che descrivono dettagliatamente l’arresto indicano che prima dell’esame medico finale si è svolto un “leggero interrogatorio” di Himmler da parte degli ufficiali dell’MI5. Questi ufficiali, per convenzione, non sarebbero stati nominati, e quindi non è chiaro chi fossero.

“Il presupposto logico è che fosse uno dei due interrogatori dell’MI5”, ha affermato Bill Steadman, curatore del Military Intelligence Museum. “Non riesco a pensare a nessun altro modo in cui avrebbe potuto averli.”

Ritiene che sia possibile che Noakes sia stato autorizzato a conservare i registri dai suoi superiori dopo aver estratto tutta l’intelligence.

  • I quotidiani Himmler mostrano orrori nazisti quotidiani
  • L’Olocausto: chi sono i milioni mancanti?

Gli oggetti sono rimasti con Noakes e la sua famiglia fino a quando non sono stati donati di recente e saranno esposti una volta riaperto il museo.

Sono più di una semplice curiosità, ma spiegano anche come è stato arrestato un anziano nazista.

“Senza questo schiacciante timbro sul documento, è possibile che Himmler potesse passare attraverso il sistema senza essere notato e fuggito come molti altri nazisti desideravano”, ha affermato Bill Steadman.

“Quello che mi piace di più di questa storia è che gli stessi tedeschi hanno reso la sua smascheratura una certezza assoluta”.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *