Coronavirus: la fabbrica americana Tesla di Elon Musk sospende la produzione

Copyright dell’immagine
Fabbrica di Tesla

Lo stabilimento principale di Tesla in California ha avviato un blocco di tre settimane per rallentare la diffusione del coronavirus.

Sarà un duro colpo i piani per accelerare la produzione del veicolo elettrico modello Y, per il quale la società si aspettava una forte domanda.

Il CEO Elon Musk aveva affermato di sperare di continuare a produrre e consegnare auto come al solito.

La contea di Alameda, dove ha sede la fabbrica, limita le funzioni di viaggio e di lavoro alle funzioni più essenziali.

Il signor Musk aveva già scritto agli operai dicendo loro che i lavori nello stabilimento di Fremont sarebbero continuati ma che non avrebbero dovuto sentirsi costretti ad entrare.

“La mia sincera opinione rimane che il danno causato dal panico del coronavirus supera di gran lunga quello del virus stesso”, ha scritto in una e-mail ai dipendenti.

Anche lui ha twittato pensieri simili.

Copyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Musk aveva detto ai dipendenti che intendeva continuare a lavorare

Le contee della Bay Area di San Francisco hanno riportato 273 infezioni da coronavirus e la California ha riportato 12 morti per Covid-19.

L’impianto impiega oltre 10.000 lavoratori e ha una produzione annua di circa 415.000 veicoli elettrici.

Tesla ha dovuto chiudere la sua fabbrica di Shanghai per 10 settimane mentre il virus era al suo apice in Cina.

In base al nuovo ordine nella contea di Alameda, le aziende ritenute non essenziali possono solo eseguire le operazioni di base di base, come il mantenimento del valore dell’inventario, la sicurezza e l’elaborazione del libro paga e dei vantaggi .

Avatar

Accardi

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *