I documenti rivelano che William Barr ha incontrato il pubblico ministero che sta attualmente indagando sulle indagini in Russia immediatamente dopo il completamento delle indagini su Mueller

I file potrebbero iniziare a colmare le lacune relative all’inizio della recensione di Durham. Barr è stato chiaro sul suo scetticismo riguardo alle indagini sulla Russia da prima ancora che diventasse procuratore generale, ma come è iniziato il sondaggio di Durham, come Barr ha diretto il lavoro di Durham e la spazzata l’intera indagine di Durham non è nota. Sebbene non sia chiaro quanto regolarmente Barr abbia incontrato altri pubblici ministeri nella posizione di Durham alla fine dell’indagine Mueller, recentemente scoperto i dettagli dei suoi incontri con Durham mostrano come i due uomini comunicarono a un momento cruciale.

I documenti rilasciati di recente mostrano che Barr si è mosso rapidamente dopo essere diventato procuratore generale nel febbraio 2019 per trascorrere del tempo con Durham.

Naturalmente, Barr è il procuratore generale e Durham il suo subordinato. Ma la frequenza e i tempi delle loro riunioni rispetto ad altri avvocati americani, che hanno notato che Barr rimane il più vicino alle questioni riguardanti Washington, mostrano l’interesse di Barr per il suo avvocato nel Connecticut.

Dalla scorsa estate, Barr e il presidente Donald Trump hanno utilizzato l’inchiesta di Durham per seminare scetticismo sull’inchiesta Mueller – e le sue conclusioni, numerosi contatti tra la campagna di Trump e i russi e numerosi tentativi da parte del presidente per ostacolare la giustizia.

Le indagini di Durham sono diventate una parte ancora più importante della direzione politica di Trump questo mese, dal momento che il dipartimento ha annunciato che avrebbe posto fine alle sue accuse contro il primo consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, Michael Flynn.

Tuttavia, rispetto all’indagine Mueller – la cui nota di autorizzazione è stata annunciata pubblicamente, nonché regolari aggiornamenti delle spese e frequenti attività giudiziarie – l’inchiesta di Durham è stata più amorfa e il dipartimento ha rifiutato di fare luce sulla quantità di denaro speso dalla sua squadra. , quanti investigatori usa e i dettagli di ciò che indaga.
Il Dipartimento di Giustizia ha detto questo autunno che la “revisione” di Durham è diventata un’indagine criminale e si sa che Durham ha ricevuto un mese di riferimento penale nel suo lavoro su un avvocato dell’FBI che avrebbe manomesso le e-mail relative al sorveglianza di un consulente della campagna Trump.
Proprio questa settimana, Barr ha rifiutato di rispondere alla domanda di un giornalista sul fatto che l’inchiesta fosse focalizzata su funzionari dell’FBI o della comunità dell’intelligence. Invece Teased che l’inchiesta potrebbe portare ad accuse penali, ma che non si aspettava che si trattasse di un’indagine criminale sul predecessore di Trump, Barack Obama, o sul suo avversario nel 2020, ex vicepresidente Joe Biden.

Molla caricata con Barr

I documenti condivisi con la Galileus Web indicano che il primo incontro tra Barr e Durham ebbe luogo durante una delle settimane più importanti del mandato di Barr.

Mueller ha chiuso le sue indagini e ha presentato il suo rapporto a Barr venerdì 22 marzo 2019.

Durante il fine settimana, Barr ha rilasciato la sua interpretazione trionfante delle scoperte di Mueller. Sottovalutò i contatti della campagna di Trump con i russi e annunciò che il presidente non sarebbe stato accusato di ostacolare la giustizia. Trump dichiarò rapidamente la vittoria, ma l’analisi di Barr attirò un rimprovero da Mueller per aver esonerato impropriamente Trump. Mueller ha scritto a Barr sulla cattiva gestione da parte del procuratore generale delle conclusioni dell’indagine del 25 marzo 2019, esprimendo la sua preoccupazione quella mattina.

Lo stesso pomeriggio, Barr e i suoi più stretti consiglieri incontrarono Durham. Tre dipendenti si sono uniti a loro dalla divisione di gestione della giustizia, che è responsabile delle esigenze logistiche del dipartimento di giustizia, riferendo che Barr stava discutendo le risorse del dipartimento con Durham. La divisione di gestione della giustizia generalmente elabora richieste di budget e risorse all’interno del dipartimento, aiutando spesso le sue filiali a definire i dettagli dei dipendenti, il noleggio di spazi e attrezzature e altre esigenze amministrative.

I documenti non rivelano ciò che Barr e Durham hanno discusso nel loro primo incontro, che era previsto per 30 minuti nel primo pomeriggio, secondo i registri.

È normale che un procuratore generale si riunisca con subordinati, ma i tempi di questo incontro sono sorprendenti. Pochi giorni dopo, il 27 marzo, Mueller ha seguito Barr con una seconda lettera, scrivendo al procuratore generale “non ha compreso appieno” le sue scoperte e hanno anche parlato al telefono.

L’allora vice procuratore generale Rod Rosenstein, che ha supervisionato le indagini Mueller fino alle sue dimissioni nel maggio 2019, non è stato invitato a nessuno dei primi incontri di Barr con Durham, il che significa che Barr stava parlando con Durham, il più alto funzionario che aveva guidato l’indagine Mueller e il direttore generale a cui gli avvocati americani in genere riferiscono di essere stati rimossi. American Oversight aveva anche cercato documenti tra l’ufficio del vice procuratore generale e Durham e non ne aveva ricevuto nessuno.

Un portavoce del ministero della giustizia ha rifiutato di commentare la storia.

Lindsey Graham vuole che le nuove indagini sulla Russia siano completate prima delle elezioni

Nelle prossime settimane, il Dipartimento di giustizia ha preparato la versione pubblica del rapporto Mueller, apportando tagli per proteggere le indagini in corso e i documenti della giuria.

Barr ha accennato alla sua riflessione interna sulla recensione di Durham durante un’audizione al Senato del 10 aprile 2019, durante la quale ha affermato di credere che ci fosse stato “spionaggio” nella campagna. Trump nel 2016 e che si stava preparando a riesaminare il caso presso il Dipartimento di Giustizia. Il commento ha sollevato le sopracciglia di alcuni senatori in udienza – e ha portato a una serie di tweet effusivi da parte del presidente.

Due giorni dopo, un alto funzionario di Barr organizzò Durham per incontrare l’ispettore del dipartimento di giustizia Michael Horowitz, secondo i documenti. L’assistente di Barr, Seth DuCharme, ha parlato con Horowitz il 12 aprile 2019 per “spiegare a cosa (stiamo) lavorando”, menzionando Durham e un’altra persona il cui nome è stato redatto per motivi di riservatezza, secondo documenti.

L’ufficio di Horowitz ha rifiutato di commentare e Durham e Horowitz potrebbero comunicare una revisione interna più tipica del Dipartimento di Giustizia. Ma lo stretto coinvolgimento dell’aiuto del procuratore generale sembra mostrare un coordinamento pratico all’interno del ministero sul lavoro di Durham.

Da allora DuCharme è stato promosso a vicedirettore aggiunto aggiunto.

Più tardi in autunno, molto tempo dopo che Barr confermò pubblicamente la recensione di Durham, Horowitz disse ai legislatori di aver comunicato con Durham sull’inchiesta preliminare in Russia, condividendo informazioni prima del suo rapporto dal suo ufficio su come l’FBI lo ha gestito. Quando Horowitz finì finalmente il suo rapporto, Durham e Barr si separarono pubblicamente da Horowitz sulle sue conclusioni secondo cui l’inchiesta sulla Russia era stata avviata correttamente.
L'FBI trova collegamento con Al-Qaeda dopo aver infranto la crittografia sull'iPhone di Pensacola

Queste riunioni e comunicazioni non erano pubblicamente riconosciute al momento. Ma Trump ha chiesto pubblicamente al Dipartimento di Giustizia di indagare sulle origini dell’indagine russa.

15 aprile 2019, Trump ha twittato: “Mueller e gli AG, sulla base delle scoperte di Mueller (e altamente intelligenti), hanno già governato No Collusion, No Obstruction. Questi sono crimini commessi da Crooked Hillary, DNC, Dirty Cops e altri! INDAGINA GLI INVESTIGATORI! “
Il Dipartimento di Giustizia ha pubblicato il rapporto Mueller di 448 pagine alla fine del mese. Barr ha incontrato Durham almeno altre due volte nell’aprile 2019, secondo i documenti. E nel giro di poche settimane i media, tra cui la Galileus Web, hanno riferito che Barr aveva chiesto a Durham di aiutarlo con la sua revisione della Russia.

Indici delle registrazioni

Austin Evers, direttore esecutivo di American Oversight, che ha ottenuto i documenti da un processo pubblico, ha criticato la stretta collaborazione del procuratore generale con Durham.

“Bill Barr ha ripetuto incontri e chiamate con John Durham in momenti critici nelle indagini sulla Russia, il che solleva seri interrogativi sull’indipendenza e la credibilità di tutto ciò che Durham produce”, ha detto Evers, accusando Barr di “interferire” con Trump.

Il gruppo sta anche cercando documenti sui contatti di Durham con la Casa Bianca o il Congresso.

Non è noto ciò di cui Barr e Durham hanno discusso in questi incontri, e ci sono molte ragioni per cui i procuratori generali incontrano i pubblici ministeri americani. Ma la frequenza dei loro incontri faccia a faccia durante questo periodo critico – mentre l’ufficio di Mueller ha completato il suo lavoro – ha sollevato domande per diversi ex avvocati del Dipartimento di Giustizia che hanno appreso degli incontri di Barr questa settimana.

“Sono 116.000 persone in questo dipartimento. Il procuratore generale ha un lavoro tentacolare. In generale, la GA è abbastanza lontana”, ha detto Marshall Jarrett, un veterano di lunga data del Dipartimento di Giustizia che ha diretto l’ufficio esecutivo. Avvocati americani fino al 2014. “Sembra abbastanza chiaro. Barr ha un vivo interesse per le indagini di Durham.”

Alcuni procuratori generali sono più attivi dei loro subordinati. Come capo, Barr può raggiungere tutto ciò che vuole. “È una prerogativa di un procuratore generale”, ha aggiunto Jarrett.

Ma diverse fonti del Dipartimento di Giustizia hanno sottolineato come Barr sia rimasto concentrato sulle controversie di Washington, piuttosto che essere coinvolto nel lavoro dei suoi avvocati americani in tutto il paese.

Jarrett ha affermato che gli incontri con la divisione dei servizi forensi possono rivelare che questo ufficio è necessario per aiutare a creare un’operazione speciale o un esame come quello su cui Durham sta lavorando. L’ufficio si occupa della logistica come riassegnazione o dettagli del personale, noleggio dello spazio e acquisto di mobili.

“Stai fondamentalmente creando un nuovo ufficio”, con l’indagine di Durham, ha detto Jarrett.

I procuratori degli Stati Uniti nelle precedenti amministrazioni venivano generalmente a Washington ogni sei settimane circa, e in quel momento, in gruppo, si incontravano con il procuratore generale e il vice procuratore generale, secondo Jarrett.

Quando gli avvocati americani sono venuti a Washington per il loro incontro annuale faccia a faccia con Barr l’anno scorso, molti erano irritati dal fatto che ci fosse solo un evento a cui partecipavano anche i media e che Barr suonava la cornamusa.

Nulla nei documenti indica il coinvolgimento della Casa Bianca negli sforzi per avviare il lavoro di Durham nella primavera del 2019. Ma usando Durham, Barr ha eseguito la richiesta pubblica di Trump di “investigare gli investigatori” e di scrutare i suoi oppositori dell’amministrazione Obama.

Come cittadino privato durante i primi due anni di carica di Trump, Barr espresso scetticismo sull’inchiesta sulla Russia, dicendo che pensava che ci fossero più ragioni per indagare su Hillary Clinton. In una nota privata ai migliori candidati alla giustizia di Trump, Barr ha dichiarato di ritenere che l’indagine Mueller fosse “fatalmente imperfetta”.

“Barr è molto intelligente”, ha detto Jarrett. “È molto esperto e molto intelligente. E pensa molto, molto più avanti di tutto.”

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *