I mercati azionari sono rovinati dal collasso del PIL americano e tedesco

I mercati azionari sono affondati dal collasso del PIL degli Stati Uniti e della Germania. In particolare, i mercati azionari del Vecchio Continente stanno sprofondando sui scarsi risultati di crescita trimestrale delle economie. E Piazza Affari sta anche affondando sotto il peso di banche e titoli energetici. Ma vediamo cosa è successo oggi.

I mercati azionari sono rovinati dal collasso del PIL americano e tedesco

È stata una giornata molto difficile per i mercati azionari con un calo fino al 4%. I prezzi del PIL degli Stati Uniti e della Germania hanno abbassato i prezzi. Hanno contribuito anche i risultati trimestrali negativi delle società, particolarmente sentiti in Piazza Affari.

Nel secondo trimestre dell’anno, il prodotto interno lordo degli Stati Uniti è sceso del 32,9%, il peggior crollo dal 1947. Un calo ancora maggiore di quello della grande crisi economica degli anni ’30.

Oltre a questa cifra profondamente negativa, c’erano dati negativi sul prodotto interno lordo per il secondo trimestre dell’economia tedesca. L’economia di Berlino ha subito una contrazione del 10,1%, il peggior calo dal 1970. Il dato è inferiore alle aspettative per una contrazione del 9%.

I mercati azionari europei stanno affondando, ma non Wall Street

Questi due dati hanno potenziato i mercati azionari europei. Alla fine della sessione, l’indice tedesco Dax ha perso il 3,5%, ma è sceso al 4%. Indice italiano Ftse Eb (INDICE FTSEMIB), ha vissuto una sessione in costante discesa. Alla fine, ha chiuso a 19.228 punti, in calo del 3,3%. Una riduzione delle dimensioni potrebbe essere inaspettata. Ma le crepe di Piazza Affari avevano già iniziato ad essere ascoltate durante alcune sessioni (come indicato in Questo articolo).

Va notato che gli scambi italiani e tedeschi sono stati i peggiori in Europa. E hanno subito un calo molto maggiore della tendenza al ribasso degli indici statunitensi. In effetti, con un PIL USA così negativo, si prevedeva un’apertura nel mercato azionario statunitense in rosso intenso. Invece, dopo 2 ore di negoziazione, alla fine delle negoziazioni in Europa, l’indice S&P 500 ha perso lo 0,7% e il Nasdaq ha perso lo 0,1%. Questo è un fatto molto curioso su cui vale la pena riflettere.

Tommaso I  Genovese

Tommaso I  Genovese

Tommaso è un'ancora sportiva e corrispondente per Dico News. Nato in Inghilterra e con sede presso la sede di Dico News, copre le principali notizie sportive e gli eventi per Dico News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *