I prezzi del petrolio sono raddoppiati in un anno. Ecco perché

È una buona giornata per l’OPEC.

I dati diffusi lunedì dal cartello petrolifero mostrano che i suoi membri hanno ampiamente rispettato un accordo di riduzione della produzione.

La conferma chiude un anno straordinario per l’OPEC, che è stato costretto a sviluppare un piano di recupero dei prezzi dopo essere sceso a $ 26 al barile nel febbraio 2016.

Il crollo dei prezzi – a livelli mai visti dal 2003 – è stato causato da mesi di aumento dell’eccesso di offerta, da un rallentamento della domanda cinese e da una decisione delle potenze occidentali di revocare le sanzioni nucleari dell’Iran.

Da allora, il mercato ha subito una drastica inversione, con i prezzi del greggio che sono raddoppiati per scambiare a $ 53,50 al barile.

Ecco come i principali produttori di petrolio hanno lavorato insieme per aumentare i prezzi:

Accordo OPEC

L’OPEC ha approvato importanti tagli alla produzione a novembre, sperando di contenere l’eccesso di petrolio mondiale e i prezzi di supporto.

Notizie da l’affare fa immediatamente aumentare i prezzi 9%.

Gli investitori hanno esultato ancora di più dopo che diversi produttori non OPEC, tra cui Russia, Messico e Kazakistan, si sono uniti allo sforzo di limitare l’offerta.

Soprattutto, l’accordo è bloccato. Il rapporto dell’OPEC pubblicato lunedì ha mostrato che i suoi membri hanno – per la maggior parte – onorato i loro impegni per ridurre la produzione. L’Agenzia internazionale per l’energia concorda: ha stimato l’OPEC conformità per gennaio al 90%.

Suhail Al Mazrouei, Ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti, ha dichiarato lunedì a CNNMoney che i risultati sono stati persino migliori di quanto si aspettasse.

Le riduzioni della produzione ammontano a 1,8 milioni di barili al giorno e dovrebbero durare sei mesi.

Correlati: OPEC ha avuto successo in una delle sue riduzioni di produzione “ più profonde ”

2016: ascesa dei mercati petroliferi

Investitori ottimisti

L’accordo OPEC ha richiesto mesi per negoziare e gli investitori lo apprezzano davvero. Il numero di hedge fund e altri investitori istituzionali che scommettono su prezzi più alti ha raggiunto un livello record a gennaio, secondo l’OPEC.

L’ottimismo diffuso sta contribuendo ad alimentare gli aumenti dei prezzi.

Maggiore richiesta

Gli ultimi dati OPEC e IEA mostrano che la domanda globale di petrolio è stata superiore alle aspettative nel 2016, grazie a una crescita economica più forte, a vendite di veicoli più elevate e condizioni meteorologiche più fredde del previsto nel 2016. ultimo trimestre dell’anno.

La domanda dovrebbe continuare a crescere nel 2017, raggiungendo una media di 95,8 milioni di barili al giorno, rispetto ai 94,6 milioni di barili al giorno nel 2016.

L’AIE ha dichiarato che se l’OPEC si atterrà ad esso, la sovrabbondanza globale di petrolio che ha afflitto i mercati per tre anni scompare finalmente nel 2017.

Ministro del petrolio saudita: non dormo a causa dello scisto

E dopo?

Nonostante questa crescita meteorica, gli analisti avvertono che i prezzi non dovrebbero andare molto più in alto.

In effetti, l’aumento dei prezzi del petrolio dovrebbe attrarre i produttori americani di scisto sul mercato. Il numero totale di piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti è stato 591 la scorsa settimana, secondo i dati di Baker Hughes. Sono 152 più di un anno fa.

Le azioni statunitensi sono aumentate a gennaio a quasi 200 milioni di barili al di sopra della media quinquennale, secondo il rapporto OPEC.

“Questo forte aumento delle scorte è il risultato di una forte risposta dell’offerta da parte dei produttori americani di scisto, che non sono stati coinvolti nell’accordo OPEC e che hanno invece utilizzato il rimbalzo dei prezzi risultante per aumentare il produzione “, ha affermato Fiona Cincotta, analista di Cities Index.

Un aumento dell’offerta potrebbe nuovamente esercitare pressione sull’OPEC.

CNNMoney (Londra) Pubblicato per la prima volta il 13 febbraio 2017: 9:13

Tommaso I  Genovese

Tommaso I  Genovese

Tommaso è un'ancora sportiva e corrispondente per Dico News. Nato in Inghilterra e con sede presso la sede di Dico News, copre le principali notizie sportive e gli eventi per Dico News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *