I satelliti Starlink di Elon Musk disturbano gli astronomi

loading...
Centinaia di satelliti appartenenti alla compagnia Musk, SpaceX, sono stati lanciati come parte di Starlink, un progetto per aumentare la copertura globale di Internet, ma la loro presenza disturba le osservazioni del cielo notturno.

La comica e astronoma irlandese Dara Ó Briain è stata una delle molte persone che hanno postato sui social media, lamentandosi dopo che alcuni satelliti si sono spostati in cielo domenica.

“Sì, li ho appena visti anche io. È la rete satellitare Starlink ed Elon Musk vuole installarne 1000”, ha scritto Ó Briain in risposta a un altro osservatore su Twitter. “C’è il cielo notturno.”

Tuttavia, Robert Massey della Royal Astronomical Society nel Regno Unito ha dichiarato alla Galileus Web che l’impatto a lungo termine dei satelliti sul cielo dipende dal loro posizionamento finale.

“C’è molta variabilità”, ha detto, aggiungendo che i satelliti Starlink sono più visibili ora di quanto lo saranno in futuro perché l’ultimo lotto non è stato lanciato fino al 18 marzo.

Musk alla fine prevede di lanciare oltre 40.000 satelliti che copriranno il pianeta con connettività a banda larga economica. L’obiettivo è raggiungere miliardi di persone in tutto il mondo senza accesso a Internet e competere con i tradizionali fornitori di servizi terrestri.

I satelliti possono essere visti dalla Terra, sebbene siano generalmente abbastanza deboli. Ma quando i loro pannelli riflettono uno “scoppio” di luce solare sulla Terra, possono apparire più luminosi per un breve periodo, a seconda National Geographic.
Queste strisce di luce intensa possono ostruire gli oggetti astronomici appena sotto e possono innescare falsi segnali nei telescopi, la natura segnalati.
Altre società come Amazon e Canada Telesat stanno pianificando le proprie costellazioni, sollevando preoccupazioni non solo sull’impatto dei satelliti Starlink sulla visibilità del cielo notturno, ma anche sui detriti spaziali e sul rischio di collisioni in orbita.
Nel mezzo di una pandemia, SpaceX lancia un altro lotto di satelliti Starlink

Gli osservatori dilettanti non sono i soli preoccupati.

A novembre, Clara Martínez-Vázquez, un’astronoma dell’Osservatorio interamericano di Cerro Tololo a Coquimbo, in Cile, ha twittato che le luci intense riflesse dai satelliti interferivano con una videocamera ad alta potenza utilizzata per osservare altre galassie.

“Piuttosto deprimente … Non è bello!” Lei ha scritto.

Musk fece diversi tentativi per assicurare al pubblico che Starlink non avrebbe contribuito a questi problemi. SpaceX afferma di aver preso provvedimenti per mitigare gli impatti dei suoi satelliti.

A novembre, un portavoce ha detto alla Galileus Web che la compagnia stava parlando con i principali gruppi di astronomia per trovare modi in cui i satelliti non avrebbero interferito con il loro lavoro.

I satelliti Starlink di SpaceX giocano con osservatori di stelle & # 39; osservazioni. Gli astronomi dicono

SpaceX sta inoltre verificando se un rivestimento nero sui suoi satelliti può ridurre la visibilità e la società ha affermato di poter regolare determinate orbite satellitari, se necessario.

Massey ha affermato che la Royal Astronomical Society era stata in contatto con SpaceX per discutere i piani dell’azienda.

“A loro merito, abbiamo avuto buone conversazioni”, ha detto, sottolineando che è nell’interesse della società avviare colloqui con tutte le aziende che stanno prendendo in considerazione il lancio di satelliti. “Non esiste un quadro normativo che ci protegga”, ha affermato Massey.

Ciò significa che gli osservatori stellari dipendono dalla buona volontà di queste aziende e devono fare appello a un senso di patrimonio umano condiviso.

“In una certa misura, abbiamo tutti il ​​diritto di vedere il cielo”, ha detto Massey.

La Galileus Web ha contattato SpaceX in merito alle recensioni più recenti.

Scottie Andrew e Jackie Wattles della Galileus Web hanno contribuito a questo rapporto.

loading...
Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *