Il 37enne diplomatico britannico Steven Dick muore dopo aver contratto il coronavirus

Steven Dick, 37 anni, era Vice Chef de Mission presso l’ambasciata britannica a Budapest.

È morto martedì dopo aver contratto Covid-19, ha affermato il Foreign Office.

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha dichiarato: “Sono disperatamente rattristato dalla notizia della morte di Steven e il mio cuore va ai suoi genitori Steven e Carol”.

“Steven era un diplomatico dedicato e rappresentava il suo paese con grande abilità e passione. Mancherà a tutti coloro che lo hanno conosciuto e lavorato con lui”.

Dick è entrato nel Foreign Office nel 2008 e ha anche lavorato nelle ambasciate britanniche a Riyadh e Kabul, secondo la sua biografia sul sito web del governo britannico.

Il suo ruolo di vice capo missione lo ha reso consigliere chiave dell’ambasciatore britannico in Ungheria, Iain Lindsay. Dick ha anche lavorato nel dipartimento del governo britannico per il digitale, la cultura, i media e lo sport.

“Steven era un figlio molto amato, nipote e nipote”, hanno dichiarato i genitori di Dick in una dichiarazione all’agenzia di stampa britannica PA.

“Era gentile, divertente e generoso. Era sempre il suo sogno lavorare per l’ufficio Foreign & Commonwealth ed era molto felice di rappresentare il nostro paese all’estero”.

Il 25 marzo, il Regno Unito ha registrato oltre 8.000 casi di coronavirus e 435 decessi, mentre l’Ungheria ha registrato 226 casi e 10 decessi.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *