=

Il “bambino poster” asiatico invia un rapporto sull’impatto economico dei coronavirus

Copyright dell’immagine
Getty Images

Il mondo ha ricevuto un’indicazione dell’impatto economico del coronavirus mentre Singapore ha pubblicato i suoi primi dati di crescita per questo trimestre.

La città-stato dipendente dal commercio ora sembra essere diretta verso la sua prima recessione per l’intero anno in circa due decenni.

Le cifre suggeriscono che anche l’economia globale dovrebbe contrarsi bruscamente.

Questa settimana, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha avvertito di una recessione globale peggiore di quella seguita alla crisi finanziaria del 2008.

Singapore ha dichiarato che il prodotto interno lordo (PIL) è calato del 2,2% su base annua mentre, rispetto al trimestre precedente, il PIL è sceso del 10,6%.

È stata la più grande contrazione trimestrale nella nazione del sud-est asiatico dal 2009, in mezzo alla crisi finanziaria globale.

Come uno dei primi paesi a pubblicare i dati sulla crescita economica per il periodo in cui l’epidemia si è diffusa a livello globale, i dati di Singapore forniscono informazioni su come sia la pandemia Naturalmente potrebbe influire sulle economie di tutto il mondo.

Singapore è stato anche uno dei primi paesi al di fuori della Cina a segnalare casi di coronavirus.

Ciò avviene dopo che l’FMI questa settimana ha previsto una recessione globale quest’anno che sarebbe almeno grave quanto quella osservata all’indomani della crisi finanziaria oltre un decennio fa.

I blocchi e le altre misure imposte dai governi di tutto il mondo per rallentare la diffusione del virus stanno pesando sull’economia globale e molti analisti si aspettano ora una lunga e profonda recessione.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

=