Il cambiamento climatico porta ad un aumento della neve verde in Antartide

I dati satellitari raccolti tra il 2017 e il 2019, combinati con le misurazioni sul campo durante due estati in Antartide, hanno permesso agli scienziati di mappare le alghe microscopiche mentre fiorivano attraverso la neve del Penisola antartica.

Le temperature del riscaldamento potrebbero creare ambienti più “abitabili” per le alghe, che hanno bisogno di neve bagnata per prosperare, hanno detto i ricercatori della Galileus Web.

Le alghe verdi della neve sono microscopiche quando misurate individualmente, ma quando gli organismi crescono contemporaneamente, diventano verde neve e possono persino essere individuate dallo spazio, i ricercatori in uno studio pubblicato nella Nature Communications Mercoledì.

I ricercatori dell’Università di Cambridge e del British Antarctic Survey hanno utilizzato i dati satellitari dell’Agenzia spaziale europea con misurazioni della baia di Ryder in Antartide, nell’isola di Adelaide, nella penisola di Fildes e nel King George Island.

Macchie di alghe verdi innevate si trovano lungo la costa antartica, di solito in zone “più calde”, dove le temperature medie sono leggermente superiori a zero gradi Celsius durante i mesi estivi dell’emisfero meridionale, Da novembre a febbraio.

La penisola antartica è la parte della regione che ha subito il riscaldamento più rapido nell’ultima parte del secolo scorso, secondo i ricercatori.

Gli scienziati hanno identificato 1.679 fioriture di alghe verdi sulla superficie della neve, coprendo un’area di 1,9 km2, equivalente a un pozzo di carbonio di circa 479 tonnellate all’anno. Un dissipatore di carbonio è un serbatoio che assorbe più carbonio di quello che rilascia.

Baccello di sopravvivenza sull'isola di Anchorage, Antartide, 2018.

I ricercatori ritengono che gli organismi prospereranno all’aumentare della temperatura globale.

“Mentre l’Antartide si riscalda, prevediamo che la massa complessiva di alghe nevose aumenterà, poiché la diffusione su terreni più alti compenserà in modo significativo la perdita di piccoli isolotti di alghe”, ha affermato il dott. Andrew Gray, autore principale dell’articolo e ricercatore dell’Università di Cambridge, ha dichiarato in una nota.

Ha detto alla Galileus Web che l’aumento delle temperature creerebbe ambienti più “abitabili” per le alghe.

Tuttavia, mentre un aumento della fusione delle nevi potrebbe portare ad un aumento della crescita delle alghe, Gray ha detto alla Galileus Web che la distribuzione di organismi è fortemente legata alle popolazioni di uccelli, i cui escrementi fungono da fertilizzante per accelerare la crescita .

Mentre le popolazioni di uccelli – in particolare i pinguini – sono influenzate dal riscaldamento delle temperature, “le alghe della neve potrebbero perdere le fonti di nutrienti per crescere”, ha detto.

Un aumento della fioritura potrebbe anche portare ad un ulteriore scioglimento della neve, ha detto.

“È molto buio: un’alga verde che sboccia sulla neve rifletterà circa il 45% della luce che la colpisce mentre la neve fresca rifletterà circa l’80% della luce che la colpisce, quindi questo aumenterà il tasso di fusione un’area localizzata “, ha detto. Spiegare.

I ricercatori hanno scoperto che quasi i due terzi dei fiori si trovavano su piccole isole basse, e hanno detto che mentre la penisola antartica si riscalda a causa dell’innalzamento delle temperature globali, queste isole potrebbero perdere la loro copertura nevosa estiva e le loro alghe. – sebbene in termini di massa, la maggior parte delle alghe nevose si trova in aree dove possono diffondersi al suolo più elevato quando la neve si scioglie.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *