Il Cirque du Soleil taglia 3.500 posti di lavoro per evitare il fallimento

Copyright dell’immagine
Getty Images

La società canadese di intrattenimento Cirque du Soleil taglierà 3.500 posti di lavoro dopo aver raggiunto un accordo per evitare il fallimento.

Il gruppo, noto soprattutto per i suoi circhi sgargianti in tournée, ha affermato che la pandemia di coronavirus l’aveva costretta a cancellare gli spettacoli e licenziare i suoi artisti.

La società proverà ora a ristrutturare licenziando circa il 95% del personale.

“Con zero entrate dalla chiusura forzata di tutte le nostre trasmissioni a causa di Covid-19, il management ha dovuto agire con decisione”, ha dichiarato il capo Daniel Lamarre.

La società ha dovuto sospendere la produzione di tutti i suoi spettacoli, inclusi sei a Las Vegas, a marzo.

Oltre ai suoi circhi, ha anche musical in giro per il mondo, tra cui Michael Jackson One e The Beatles Love.

  • I personaggi del teatro e della musica affermano che la roadmap non ha senso senza supporto
  • I tagli alle paure dei teatri potrebbero portare a cambiamenti nella carriera

La società ha dichiarato di aver concluso un accordo in base al quale i suoi attuali azionisti si assumeranno le passività di Cirque e investiranno $ 300 milioni (£ 244 milioni) nel business.

Circa $ 200 milioni di questo importo assumeranno la forma di un prestito dalla provincia del Quebec, dove ha sede l’attività.

Ha anche affermato che gli azionisti assegneranno $ 20 milioni per fornire ulteriore assistenza ai dipendenti e agli appaltatori interessati.

Ha dichiarato di voler riassumere “una maggioranza sostanziale” di licenziati, a condizione che le condizioni commerciali lo consentano, una volta che le interruzioni del coronavirus sono state revocate e le operazioni potrebbero riprendere.

La domanda di fallimento di Cirque sarà ascoltata martedì dalla Corte Superiore del Quebec.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *