Il coronavirus cambierà il modo in cui guardiamo i film?

Copyright dell’immagine
Getty Images

La chiusura dei cinema negli Stati Uniti e in Cina ha costretto gli studi cinematografici a ripensare il modo in cui proiettano i film.

Durante il picco dell’epidemia in Cina, un grande film è andato direttamente su una piattaforma online ed è stato visto da oltre mezzo miliardo di telespettatori.

Gli studi cinematografici americani potrebbero seguire l’esempio e stanno già lanciando film online contemporaneamente alle uscite teatrali.

Il settore affronta perdite fino a $ 15 miliardi (£ 13 miliardi) quest’anno a causa della pandemia, secondo un esperto.

Gli Stati Uniti e la Cina sono i maggiori mercati al mondo per la visione di film, secondo le vendite al botteghino. Entrambi i paesi hanno sperimentato gravi interruzioni del coronavirus con chiusure diffuse del cinema.

La Cina ha circa 60.000 cinema in tutto il paese, che ha chiuso all’inizio di gennaio. Il tempismo ha colpito duramente l’industria cinematografica poiché è arrivato poco prima delle festività del capodanno cinese, che normalmente generano $ 2 miliardi di vendite al botteghino.

Un grande film, Lost in Russia, è andato direttamente su un sito di streaming e ha ottenuto oltre 600 milioni di visualizzazioni, secondo i media cinesi. Era disponibile gratuitamente dal gigante tecnologico cinese ByteDance tramite due delle sue piattaforme di streaming.

Finora quest’anno, secondo gli analisti del settore, le vendite di botteghini in tutto il mondo dovrebbero essere diminuite di almeno $ 5 miliardi, con circa il 50% del calo del solo mercato cinese. “Vedremo aumentare questo numero globale nelle prossime settimane man mano che la Cina rimarrà chiusa e inizieremo a vedere i teatri di tutto il mondo a seguito di chiusure simili”, ha affermato Chris Fenton, autore di Feeding the Dragon – Inside the trillion dollar. dilemma di fronte a Hollywood, alla NBA e alle compagnie americane.

Ha stimato che l’industria avrebbe perso $ 15 miliardi di vendite per l’intero anno a causa dei cinema chiusi, anche se tale cifra potrebbe aumentare a seconda della durata della pandemia.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Negli Stati Uniti, lo studio cinematografico Universal ha annunciato che le sue ultime tre uscite saranno disponibili su piattaforme di streaming mentre sono ancora nelle sale. Il suo ultimo film Trolls: World Tour uscirà simultaneamente nei cinema americani e online il 10 aprile.

“L’epidemia di virus sta già cambiando il modo in cui gli studi cinematografici rilasciano film, con alcuni film che accelerano i piani di rilascio dell’home entertainment”, ha affermato Gitesh Pandya, caporedattore di BoxOfficeGuru.com. “Con quasi tutti i cinema americani che chiuderanno nel prossimo futuro, stanno esplorando i modi per generare entrate”.

Pandya afferma che le prime uscite cinematografiche online sono adatte a studi cinematografici di piccole e medie dimensioni “che potrebbero voler aumentare le uscite digitali per raggiungere un pubblico globale”.

Alcuni studi cinematografici hanno deciso di ritardare l’uscita dei film più avanti nel corso dell’anno, incluso il nuovo film di James Bond No Time to Die. Questa settimana, la Disney ha annunciato una nuova interruzione della sua attività di intrattenimento ritardando il lancio del suo film Marvel Black Widow.

Disney’s Mulan, un film di successo per attirare il pubblico cinese, uscirà questo mese ma è stato posticipato con altri due film. Rispondendo alle notizie secondo cui Mulan potrebbe essere trasmesso sulla piattaforma di streaming Disney Plus, un portavoce ha dichiarato: “Crediamo davvero nell’esperienza cinematografica”.

Avatar

Elario Necci

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *