Il creatore dell’antivirus John McAfee è stato arrestato

Il magnate dell’alta tecnologia John McAfee è stato arrestato per alcune ore dalla polizia norvegese per aver utilizzato un perizoma per coprirsi la faccia e si rifiutò di indossarne uno maschera approvato. L’ideatore del software antivirus – che gli ha fatto milioni – su Twitter ha riferito lunedì mattina di essere stato arrestato dalle autorità norvegesi, che non sono rimaste impressionate dalla maschera che si era fatto con le mutande. in pizzo nero per le donne. la cui foto è stata condivisa dalla moglie Janice. Il 74enne manager ha risposto: “È la più sicura al mondo e mi rifiuto di indossare qualsiasi altra cosa per la mia salute”. Sua moglie Janice ha insistito: “La maschera perizoma non ricicla l’anidride carbonica espirata, come le maschere sulle orecchie”.

LEGGI ANCHE Di Maio ha sbattuto sui social per la foto con gli amici: “E le distanze?”

Dopo poche ore, la coppia è riuscita a salire sul loro aereo privato per Monaco, dove vivono. McAfee, nato nel 1945 in una base militare americana sul suolo britannico, ha una lunga storia di problemi con le forze dell’ordine, ricorda il Daily Mail. Ha fatto notizia nel 2012 per essere stato ricercato come “persona di interesse” nell’omicidio del suo vicino in Belize. L’eccentrico milionario è stato poi ritrovato in Guatemala. Successivamente è stato arrestato per essere entrato illegalmente nel paese e alla fine rimpatriato negli Stati Uniti. La scorsa estate, McAfee e sua moglie sono stati arrestati dalla polizia della Repubblica Dominicana che li ha accusati di essere entrati nell’isola con una barca carica di pistole. Poi è fuggito in Lituania. Attualmente, sta cercando di candidarsi per il Libertarian Party (che non vuole vincoli al capitalismo) per il presidente degli Stati Uniti. L’aveva già provato senza successo nel 2016.




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *