Il cuore di un pianeta gassoso visto per la prima volta

Copyright dell’immagine
Uni Warwick / Mark Garlick

Leggenda

Lavoro: il nucleo planetario orbita molto vicino alla sua stella madre

Gli astronomi hanno trovato un tipo di oggetto mai visto prima che circondasse una stella lontana.

Potrebbe essere il cuore di un mondo gassoso come Giove, offrendo una visione senza precedenti di uno di questi pianeti giganti.

Pianeti giganti come Giove e Saturno hanno un solido nucleo planetario sotto uno spesso involucro di idrogeno ed elio.

Ma nessuno era stato in precedenza in grado di vedere che aspetto avevano questi nuclei solidi.

Ora un team di astronomi ha scoperto quelle che credono essere le viscere rocciose di un pianeta gigante a cui manca la sua densa atmosfera. Le loro conclusioni furono pubblicato sulla rivista Nature.

  • Spiegazione della gradazione della stella supernova vicina
  • Mistero della scomparsa della stella mostruosa

L’autore principale David Armstrong dell’Università di Warwick e i suoi colleghi hanno condotto un programma per rilevare i nuclei planetari esposti nei dati dal telescopio spaziale Tess.

“Era uno dei candidati che abbiamo scelto come qualcosa da cercare di osservare”, ha detto a BBC News.

“Lo abbiamo seguito con uno strumento chiamato spettrografo di Arpe in Cile, che abbiamo usato per misurare le masse di questi candidati. Si è rivelato eccezionalmente massiccio – molto più di quanto ci aspettassimo. avrebbe potuto causare questo “.

Quando i ricercatori hanno guardato l’oggetto per la prima volta, hanno pensato che potesse essere una stella binaria.

“Abbiamo continuato a prendere i dati e si è rivelato essere ancora un pianeta – solo eccezionalmente massiccio per le sue dimensioni”, ha detto il dott. Armstrong.

Il suo raggio è circa tre volte e mezzo più grande di quello della Terra, ma il pianeta è circa 39 volte più massiccio.

Copyright dell’immagine
NASA

Leggenda

Lavoro: la navicella spaziale Tess è stata lanciata nel 2018

L’oggetto, chiamato TOI 849 b, è stato trovato scavalcando una stella molto simile al Sole che si trova a 730 anni luce di distanza.

Il nucleo orbita così vicino alla sua stella madre che un anno è solo 18 ore e la sua temperatura superficiale è di circa 1.527 ° C.

I ricercatori non sanno se il nucleo ha perso la sua atmosfera durante una collisione o se semplicemente non l’ha mai sviluppata.

Se una volta fosse simile a Giove, ci sarebbero diversi modi per perdere la sua busta gassosa. Questi potrebbero includere disturbi delle maree, in cui il pianeta viene strappato in orbita troppo vicino alla sua stella, o persino una collisione con un altro pianeta in ritardo nella sua formazione.

Se si tratta di un gigante gassoso “in avaria”, potrebbe succedere se ci fosse uno spazio nel disco del gas e della polvere da cui è uscito o se si è formato tardi dopo che il disco ha esaurito il materiale.

“Penso che uno dei più grandi indizi sia che abbiamo trovato il pianeta all’interno del” caldo deserto del Nettuno “, che è quella regione dello spazio dei parametri in cui generalmente non troviamo pianeti”, Il dottor Armstrong ha detto alla BBC News.

“Questo suggerisce che ha attraversato uno sviluppo abbastanza insolito. Per me, suggerisce che è più probabile che abbia perso la sua atmosfera … ma avremo bisogno di alcune osservazioni in più per essere sicuri.”

Queste ulteriori osservazioni potrebbero aiutare a testare idee sull’evoluzione dei giganteschi pianeti gassosi.

“Questa è la prima volta che ci dice che pianeti come questo esistono e possono essere trovati. Abbiamo l’opportunità di guardare il cuore di un pianeta in un modo che non possiamo fare nel nostro sistema solare. .

“Ci sono ancora grandi domande aperte sulla natura del nucleo di Giove, per esempio, esopianeti così strani e insoliti come questo ci danno una finestra sulla formazione di pianeti che non abbiamo altro modo di ‘esplorare.”

Segui Paul su Twitter.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *