Il New York Times pubblica un’edizione con i nomi di 1.000 vittime di coronavirus

Le perdite totali causate dalla pandemia di Covid-19 sono, infatti, incalcolabili. Le perdite sono maggiori di qualsiasi illustrazione o descrizione. Ma il Times cerca in modo univoco di dedicare la prima pagina di domenica e tre pagine interne ai nomi di circa mille vittime.

Il risultato: una prima pagina priva di qualsiasi fotografia, articolo di stampa, pubblicità o altro. L’intera pagina è piena di morti, sotto il titolo di un banner che dice “MORTE AMERICANE VICINO A 100.000, PERDITA INCREDIBILE”.

Molti esperti affermano che il bilancio delle vittime di Covid-19 è ancora peggiore, poiché alcune vittime sono morte a casa o non sono state conteggiate per altri motivi. Ma mentre il numero di morti confermate si avvicina a 100.000, i redattori e i giornalisti del Times hanno parlato di modi per fare il punto su ciò che è accaduto negli ultimi mesi.

“Sapevamo che ci sarebbe stato un modo per provare a contare quel numero”, ha detto Simone Landon, assistente al montaggio dell’ufficio grafico del Times. funzionalità dietro le quinte.

Landon ha affermato che il progetto è anche una risposta a “un po ‘di fatica”.

Mentre l’emergenza nazionale si protraeva da pochi giorni a poche settimane o anche a diversi mesi, un certo intorpidimento si placò. I numeri sono difficili da capire.

Il Times ha quindi raccolto i nomi e le storie delle vittime di Covid-19 sui giornali di tutta l’America. “Le 1.000 persone qui rappresentano solo l’1% del pedaggio”, ha detto la descrizione del giornale sulla lista. “Nessuno era solo un numero.”

Le colonne e le colonne dei nomi riguardano la vita come morte:

Angeline Michalopulos, 92 anni, “non ha mai avuto paura di cantare o ballare”.

Lila Fenwick, 87 anni, è stata “la prima donna nera a laurearsi alla Harvard Law”.

Romi Cohn, 91 anni, “salvò 56 famiglie ebree dalla Gestapo”.

April Dunn, 33 anni, era un “avvocato per i diritti delle persone con disabilità”.

Patricia H. Thatcher, 79 anni, “ha cantato nel suo coro della chiesa per 42 anni”.

Fred Gray, 75 anni, “adorava la sua pancetta croccante e gli hash Browns”.

Harley E. Acker, 79 anni, “ha scoperto la sua vera vocazione quando ha iniziato a guidare uno scuolabus”.

Frank Gabrin, 60 anni, era “un medico di emergenza che morì tra le braccia di suo marito”.

Skylar Herbert, 5 anni, è stata “la più giovane vittima del Michigan della pandemia di coronavirus”.

Philip Kahn, 100 anni, “veterano della seconda guerra mondiale il cui gemello è morto nell’epidemia di influenza spagnola un secolo fa”.

William D. Greeke, 55 anni, “pensava che fosse importante conoscere la storia della vita di una persona”.

Una perdita incalcolabile.

Ad oggi Dan Barry, uno scrittore esperto del Times, ha pubblicato un saggio sul quotidiano “The Human Toll” della pandemia.

“Immagina”, scrisse, “una città di 100.000 abitanti che era lì per Capodanno ma che ora è stata spazzata via dalla mappa americana”.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *