=

Il Premier cinese avverte le autorità locali di non nascondere le nuove infezioni da coronavirus

Li, vice comandante del paese, ha esortato i governi locali a “trovare la verità sui fatti” e ad essere “aperti e trasparenti” nella diffusione di informazioni sull’epidemia.

“Essere aperti e trasparenti significa che un nuovo caso deve essere segnalato una volta scoperto. È quello che è. Non ci deve essere occultamento o sottostima”, ha detto. ha detto a alti funzionari incaricati di combattere Covid-19 in una riunione presieduta, secondo una dichiarazione. governo ufficiale dichiarazione pubblicato online martedì.
Il premier cinese è stato nominato a capo di una task force del governo centrale – o di un “gruppo dirigente centrale” come viene chiamato – per combattere il coronavirus a gennaio. Egli visitato la città di Wuhan, l’epicentro dell’epidemia, alla fine di gennaio, più di un mese prima del tour del primo leader cinese Xi Jinping a marzo.

L’avvertimento di Li sembra essere parte di uno sforzo concertato per ripristinare la fiducia del pubblico tra accuse persistenti secondo cui le autorità locali hanno deliberatamente sottovalutato la realtà della situazione nelle prime fasi dell’epidemia.

Ciò sta accadendo anche quando la Cina è sottoposta a un maggiore controllo dall’estero sui suoi sforzi iniziali per impedire che il virus si diffonda oltre i suoi confini dopo essere stato identificato per la prima volta a Wuhan a dicembre.

Da allora, il virus ha rivendicato 3.281 vite e malato più di 81.000 persone in Cina. Ha messo centinaia di milioni di persone in varie forme di preclusione e ha chiuso l’economia.
Tuttavia, tre mesi dopo, la Cina sembra aver raggiunto un traguardo nella sua lotta per contenere l’epidemia. Giovedì il paese non ha segnalato alcuna trasmissione locale e da allora il numero è rimasto vicino allo zero. Mercoledì, Cina allentamento delle restrizioni di viaggio in Hubei e l’arresto di Wuhan verrà presto revocato anche l’8 aprile.

Alla riunione di lunedì, Li ha detto che se il pubblico è in attesa della buona notizia da zero infezioni locali da molto tempo, le statistiche dell’epidemia devono essere “vere e accurate”, esortando i governi locali a non “nascondersi o – dichiarare casi in cerca di zero casi. “

La trasparenza significa anche che il pubblico ha meno probabilità di abbassare la guardia, il che può aiutare ad attuare misure per combattere l’epidemia e prevenire un rimbalzo in alcuni casi, ha aggiunto Li.

Martedì, dopo che i nuovi casi sono scesi a zero per cinque giorni consecutivi, Wuhan ha riportato un nuovo caso confermato: un medico che lavora presso l’Hubei General Hospital. La Commissione sanitaria municipale di Wuhan ha dichiarato in una dichiarazione che la possibilità di infezione crociata in questo ospedale non può essere esclusa.

I membri del personale spruzzano disinfettante alla stazione di Wuhan il 24 marzo.

Minaccia persistente

La minaccia della cosiddetta seconda ondata continua a pesare pesantemente in Cina.

Ad oggi, il virus si è ora diffuso a 170 paesi e regioni, secondo i dati compilati dalla Johns Hopkins University, e rappresentano quasi un terzo della popolazione mondiale – oppure 2,5 miliardi di persone – soggetto a restrizioni di movimento legate ai coronavirus.

Con il numero di infezioni in tutto il mondo superiore a 423.000, un numero crescente di casi è stato importato in Cina dall’estero, molti dei quali sono studenti e lavoratori cinesi desiderosi di tornare a casa quando scoppiano gli scoppi. globalmente.

Martedì 474 casi importati sono stati segnalati dalle autorità cinesi e città come Pechino e Shanghai hanno imposto rigide regole di quarantena agli arrivi internazionali.

Il 5 marzo, i lavoratori in abbigliamento protettivo controllano la temperatura dei passeggeri che entrano nell'area di partenza dell'aeroporto di Pechino.

Ma man mano che il numero di trasmissioni locali in Cina diminuisce, sono aumentate le preoccupazioni circa l’affidabilità dei dati attuali, con molte persone che si interrogano online sul ruolo dei vettori asintomatici.

In Cina, solo i pazienti con sintomi e risultati positivi dei test sull’acido nucleico sono inclusi nel conteggio ufficiale dei casi confermati. I pazienti asintomatici che risultano positivi sono monitorati e messi in quarantena fino a quando non sviluppano sintomi o diventano negativi nei test successivi.

L’Organizzazione mondiale della sanità, tuttavia, dice nella sua linea guida “Una persona la cui conferma di laboratorio dell’infezione da COVID-19 è stata confermata in laboratorio, indipendentemente da segni e sintomi clinici”.
Il rischio rappresentato dai casi asintomatici ha attirato molta attenzione in Cina negli ultimi giorni. Rispondendo a queste preoccupazioni, Wu Zunyou, portavoce del China Center for Disease Control and Prevention, ha dichiarato a un conferenza stampa A partire da martedì, i pazienti asintomatici erano stati tutti trovati durante il follow-up di coloro che erano entrati in stretto contatto con casi confermati.

“Faranno diffondere il (virus)? No, non lo faranno”, ha detto Wu.

“Perché? Perché in Cina, secondo le nostre attuali misure, tutti i contatti stretti (pazienti) sono stati messi in quarantena e sotto osservazione medica isolata, e saranno inviati all’ospedale per la diagnosi e il trattamento una volta sviluppati sintomi. diffusione nella società “, ha aggiunto.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

=