Il primo scavo di una nave vichinga in un secolo inizia in Norvegia

Copyright dell’immagine
AFP

Leggenda

Venerdì, lo scavo è stato lanciato dal ministro norvegese per il clima e l’ambiente

Gli archeologi norvegesi hanno iniziato il primo scavo di una nave vichinga in oltre un secolo.

La nave è stata scoperta due anni fa in un sito di sepoltura a Gjellestad, nel sud-est del paese.

Anche se si ritiene che sia in cattive condizioni, la scoperta rimane significativa poiché nel paese sono state scoperte solo altre tre navi vichinghe ben conservate.

Gli scavi dovrebbero durare cinque mesi.

Copyright dell’immagine
Istituto di Norsk per Kulturminneforskning

Leggenda

I dati radar hanno mostrato che la nave fu sepolta proprio sotto il terriccio

Knut Paasche, un esperto dell’Istituto norvegese di ricerca sui beni culturali, ha affermato che solo una parte del legno della nave sembra essere stata preservata, ma ha aggiunto che le tecniche moderne potrebbero consentire agli archeologi di scoprire la sua forma originale. .

La nave, lunga circa 20 m, è stata scoperta da esperti che utilizzano radar che penetrano nel terreno nel 2018.

Un gran numero di tumuli e longhouse sono stati scoperti contemporaneamente.

“La nave Gjellestad è una scoperta di eccezionale importanza nazionale e internazionale”, ha dichiarato il ministro della Cultura norvegese Sveinung Rotevatn, secondo l’agenzia di stampa AFP.

Potresti anche essere interessato a:

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaStoria vichinga rubata dai metal detector
Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *