Il Senato degli Stati Uniti approva la legge che potrebbe irradiare le imprese cinesi

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Il colosso cinese al dettaglio online Alibaba ha fatto il suo debutto alla Borsa di New York nel 2014.

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che potrebbe impedire ad alcune società cinesi di vendere azioni sulle borse statunitensi.

Ciò costringerebbe le compagnie straniere a seguire gli standard di audit statunitensi e altre normative finanziarie.

La misura deve ora essere approvata dalla Camera dei rappresentanti prima di essere promulgata dal presidente Trump.

Ciò accade quando le tensioni tra Stati Uniti e Cina aumentano durante la pandemia del virus e dopo lo scandalo della contabilità di Luckin Coffee.

Il disegno di legge richiederebbe inoltre alle società quotate in borsa di rivelare se sono possedute o controllate da un governo straniero.

Il disegno di legge si applica a tutte le imprese straniere, ma si rivolge alla Cina e segue le intense critiche a Pechino da parte di Trump e altri politici americani.

Trump e i suoi funzionari dell’amministrazione affermano che la Cina ha gestito male la prima epidemia di coronavirus.

L’epidemia è ora diventata una pandemia che ha ucciso quasi 330.000 persone in tutto il mondo e paralizzato l’economia globale.

Le società cinesi quotate negli Stati Uniti sono già state sottoposte a una maggiore sorveglianza nelle ultime settimane dopo che Luckin Coffee ha rivelato che un’indagine interna aveva rivelato che centinaia di milioni di dollari delle sue vendite l’anno scorso avevano stato “fabbricato”.

La società ha dichiarato che la propria indagine ha rilevato che le vendite manifatturiere dal secondo trimestre dello scorso anno al quarto trimestre sono ammontate a circa 2,2 miliardi di yuan ($ 310 milioni; £ 254 milioni). Ciò equivale a circa il 40% delle sue vendite annuali stimate.

Da allora la catena del caffè cinese ha licenziato il suo amministratore delegato e direttore generale, mentre altri sei dipendenti, presumibilmente coinvolti nell’accordo o noti all’accordo, sono stati sospesi o messi in congedo.

La società scandalosa ha detto che stava collaborando con le autorità di regolamentazione negli Stati Uniti e in Cina, che hanno avviato un’indagine sulla società.

La quotazione di Nasdaq di Luckin è stata una delle poche partenze di successo per la Borsa degli Stati Uniti nel 2019.

Luckin ha dichiarato martedì che la borsa del Nasdaq ha informato la società della sua intenzione di ritirarla dalla quotazione a causa delle preoccupazioni sulle presunte false vendite e false informazioni. Le sue azioni saranno negoziate in borsa in attesa dell’esito di un ricorso, previsto entro 45 giorni.

Le azioni della società scandalizzata, sospesa dal 7 aprile, sono precipitate di oltre il 35% dopo la ripresa delle negoziazioni di mercoledì.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *