Il sopravvissuto ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale a Berlino, Saturno l’alligatore, muore allo zoo di Mosca

Copyright dell’immagine
Zoo di Mosca

Leggenda

Saturno fuggì dallo zoo di Berlino quando fu bombardato, ma non apparteneva a Hitler

Un alligatore sopravvissuto alla seconda guerra mondiale a Berlino e che apparentemente apparteneva al leader nazista Adolf Hitler è morto allo zoo di Mosca.

“Ieri mattina il nostro alligatore del Mississippi, Saturno, è morto di vecchiaia. Aveva circa 84 anni – un’età estremamente rispettabile”, ha detto lo zoo.

Saturno fu donato allo zoo di Berlino nel 1936 poco dopo la sua nascita negli Stati Uniti. Fuggì dallo zoo bombardato nel 1943.

I soldati britannici lo trovarono tre anni dopo e lo diedero all’Unione Sovietica.

Il modo in cui ha trascorso gli anni successivi è sempre rimasto un mistero, ma dal luglio 1946, l’alligatore è stato un successo tra i visitatori di Mosca.

“Lo zoo di Mosca ha l’onore di tenere Saturno per 74 anni”, ha dichiarato lo zoo in una nota.

“Per noi, Saturno è stata un’intera era, e cioè senza la minima esagerazione … Ha visto molti di noi quando eravamo bambini. Speriamo di non averlo deluso.”

Lo zoo riferiva che Saturno conosceva i suoi custodi, che gli piaceva essere massaggiato con un pennello e che era in grado di rompere le pinze di alimentazione in acciaio e pezzi di cemento con i denti se era irritato.

Gli alligatori del Mississippi vivono generalmente tra i 30 e i 50 anni in natura, ha aggiunto.

Saturno potrebbe anche essere stato il più vecchio alligatore del mondo – è impossibile dirlo. Un altro alligatore maschio, Muja, che si trova allo zoo di Belgrado in Serbia, ha anche 80 anni ed è ancora vivo.

Ma è dubbio che un alligatore possa competere con Saturno se dovesse vendere i suoi ricordi.

Il dettaglio più pubblicizzato è la voce che Saturno appartenesse alla collezione personale di Hitler, il che è falso.

“Quasi immediatamente dopo l’arrivo dell’animale, è emerso il mito che avrebbe dovuto essere nella collezione di Hitler, non nello zoo di Berlino”, riferisce l’agenzia di stampa Interfax.

Non è chiaro come sia iniziata la voce.

Lo zoo di Mosca ha respinto le informazioni, rilevando che gli animali “non appartengono alla politica e non dovrebbero essere ritenuti responsabili dei peccati umani”.

La fuga che sfida la morte di Saturno nel 1943 probabilmente non verrà mai spiegata.

Berlino, la capitale della Germania nazista, fu sottoposta a intensi bombardamenti alleati prima della fine della guerra nel 1945.

La cosiddetta Battaglia di Berlino iniziò nel novembre 1943 e la notte tra il 22 e il 23 novembre vide danni significativi nelle aree ad ovest del centro, incluso il distretto di Tiergarten, dove si trova lo zoo della città.

Migliaia di persone sono state uccise o ferite e anche molti animali nello zoo sono morti.

L’edificio dell’acquario dello zoo è stato direttamente interessato. Reporter ha detto che i passanti hanno visto i corpi di quattro coccodrilli per strada fuori, sballottato dalla forza dell’esplosione.

Saturno sopravvisse e poi visse per tre anni in una città devastata dalla guerra e da un clima inadatto agli alligatori.

È stato riferito che ora sarà riempito e esposto nel famoso Museo di biologia di Mosca intitolato a Charles Darwin.

Potrebbe piacerti anche

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaLa casa della Florida scopre l’intruso di rettili

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *