Il video rivela un danno polmonare nei pazienti con coronavirus negli Stati Uniti: “Le persone devono prenderlo sul serio”

Ora il paziente ha Covid-19 e i suoi polmoni non funzionano correttamente, ha affermato il dott. Keith Mortman, capo della chirurgia toracica all’ospedale della George Washington University. L’ospedale di Washington, DC, ha recentemente pubblicato un video 3D dei polmoni del paziente coronavirus.

Le immagini mostrano danni significativi ai polmoni di un uomo di 59 anni generalmente sano con ipertensione, ha affermato Mortman. Poiché si è ammalato gravemente, il paziente ha bisogno di un ventilatore per aiutarlo a respirare, ma anche nella posizione più alta, questo non è abbastanza. Ha anche bisogno di un’altra macchina che circoli e quindi ossigena il suo sangue, ha detto Mortman.

“Non è un paziente diabetico immunocompromesso di 70, 80 anni”, ha detto Mortman. “A parte la pressione alta, non ha altri problemi medici significativi. È un ragazzo che si prende cura dei suoi affari e lo prende … Se dovessimo ripetere le immagini 360VR ora, c cioè, una settimana dopo, c’è la possibilità che l’infezione e il processo infiammatorio possano essere peggiori “.

Le aree contrassegnate in giallo sul video rappresentano le parti infette e infiammate del polmone, ha affermato Mortman. Quando i polmoni incontrano un’infezione virale, l’organo inizia a isolare il virus. Dall’analisi, è chiaro che il danno non è localizzato in una singola area, ma copre piuttosto ampie strisce di entrambi i polmoni, mostrando quanto rapidamente e aggressivamente l’infezione può diffondersi, anche in pazienti più giovani. Un paziente con polmoni sani non avrebbe avuto il giallo sulla TC, ha detto.

Il paziente rimane in condizioni critiche in terapia intensiva.

“Per quei pazienti che hanno essenzialmente un’insufficienza respiratoria progressiva, il danno ai polmoni è rapido e diffuso (come evidenziato dal video VR)”, ha detto Mortman in un’e-mail. “Sfortunatamente, una volta danneggiati a questo livello, i polmoni possono impiegare molto tempo a guarire. Per circa il 2-4% (a seconda di quanti credi) dei pazienti Covid-19, il danno è irreversibile e soccomberà a la malattia “.

Il coronavirus è principalmente di natura respiratoria. “Entra nelle mucose e poi nei polmoni. Il modo in cui il corpo cerca di controllarla è l’infiammazione”, ha detto Mortman.

Il giallo segna sia l’infezione che l’infiammazione. “Quindi ottieni questo processo infiammatorio piuttosto forte nei polmoni nel tentativo del corpo di controllare l’infezione”, ha detto Mortman.

L’infiammazione impedisce ai polmoni di essere in grado di ossigenare il sangue e rimuovere l’anidride carbonica. Ciò causerebbe un sacco di rantoli o inalazioni per bilanciare i livelli di ossigeno e anidride carbonica.

I casi di coronavirus nell'area di New Orleans vedono un picco allarmante mentre il governatore richiede la dichiarazione di un grave disastro

Le immagini suggeriscono che le parole per descrivere i sintomi più comuni – tosse e mancanza di respiro – non riescono davvero a catturare l’impatto del virus sul corpo.

In alcune persone, ha affermato Mortman, il danno sarà irreversibile, quindi è imperativo che gli americani prestino attenzione ai consigli sulla distanza sociale e sull’autoisolamento.

“Voglio che la gente lo veda e capisca cosa può fare”, ha detto Mortman. “La gente deve prenderlo sul serio.”

L’ospedale generalmente utilizza la tecnologia di imaging TC che ha prodotto il video per le schermate del cancro e per pianificare interventi chirurgici. Ma per la prima volta, la tecnologia viene ora applicata alla lotta contro il nuovo coronavirus.

“Molti di noi camminano nel buio con questo”, ha detto Mortman. “Quindi vogliamo capirlo nel miglior modo possibile. È stato il nostro primo paziente, ma sono sicuro che è il primo di quello che probabilmente diventerà numeroso nelle prossime settimane.”

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *