Joel Schumacher, direttore di Batman e ‘St. Elmo’s Fire, morto a 80 anni

Schumacher ha lavorato a una vasta gamma di film, tra cui il racconto di vampiri adolescenti “The Lost Boys”, il melodramma Julia Roberts “Dying Young”, la satira oscura “Falling Down” con Michael Douglas e un paio di thriller adattati romanzi di John Grisham, “Il cliente” e “Un tempo per uccidere”.

Tuttavia, è stato meglio conosciuto in alcuni ambienti per la sua affiliazione con il franchise di Batman, dirigendo “Batman Forever” e “Batman & Robin” negli anni ’90, con una notevole variazione tonale rispetto all’approccio più oscuro rispetto al regista Tim Burton ha realizzato questi film.

Nel 2017 Vice colloquio, Schumacher si è scusato con i fan che sono rimasti delusi da questi film – che hanno recitato rispettivamente in Val Kilmer e George Clooney – dicendo: “Penso di doverglielo”. Ha aggiunto la famosa scelta di aggiungere una componente più sessuale al costume di Batman, “So solo che scenderò sempre sui capezzoli di Batman a partire da” Batman Forever. “”

Nato nel Queens, Schumacher ha frequentato la Parsons School of Design della New School University e ha lavorato come vetrinista prima di venire a Hollywood come costumista, incluso un primo lavoro nella commedia di fantascienza di Woody Allen “Sleeper”.

Schumacher è diventato uno scrittore negli anni ’70 – incluse sceneggiature per “The Wiz” e “Car Wash” – prima di iniziare la sua carriera come regista con un paio di film TV, seguito da “The Incredible Shrinking Woman”, con Lily Tomlin e “DC Cab”.

Schumacher ha sviluppato una reputazione per identificare i giovani talenti, come dimostrano i cast generali di “St. Elmo” e “Lost Boys”, tra cui Demi Moore, Rob Lowe e Kiefer Sutherland.

Più di recente, Schumacher ha diretto la versione cinematografica del musical “Il fantasma dell’opera” e alcuni episodi del dramma di Netflix “House of Cards”.

Schumacher, che era gay, ha rilasciato un’intervista con avvoltoio l’anno scorso in cui ha discusso francamente delle sue scelte di vita e di carriera.
Produttore-regista Bryan Fuller tweeted che ricordava di aver appreso che Schumacher era gay, dicendo: “La sua visibilità contava, i capezzoli e tutto il resto”.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *