Juventus-Pirlo, primi picchi di mercato: alla ricerca dei giusti interpreti per il suo 4-3-3

Dopo le scelte rivoluzionarie dei giorni scorsi, alla Juventus è già tempo di fare progetti per il futuro. La prossima stagione inizierà tra poco più di un mese e visto il cambio di guida tecnica che ha portato all’addio di Sarri e all’arrivo di Andrea Pirlo è urgente trovare la strada giusta per programmare il mercato in base alle esigenze del nuovo allenatore.

Si parte dal 4-3-3 – La porta e il compartimento difensivo centrale sembrano a posto. Per quanto riguarda i posteriori, possono esserci movimenti. Ma i reparti che inevitabilmente finivano sotto la lente d’ingrandimento in in testa al mercato alla Juventus Giocati nelle ultime ore sono il centrocampista e l’attacco. Bentancur sarà “il Pirlo” della nuova squadra, il perno del gioco da cui passerà la maggior parte delle palline. Da parte sua Arthur e forse Kulusevski, ma sicuramente sarà necessario almeno un acquisto in più (visto anche l’addio di Matuidi). I nomi? Nicolò Zaniolo e Sandro Tonali continua ad appellarsi ai dirigenti della Juventus. Quindi l’attacco: CR7 e Dybala sono intoccabili, resta da capire chi potrebbe essere il nuovo numero 9. Arek Milik e Raul Jimenez i nomi caldi rimangono in quel senso.

Piccolo budget, fai attenzione agli scambi – La sensazione è che il budget per il prossimo mercato sarà ridotto, o almeno al di sotto delle cifre spese nelle passate stagioni. Per questo, dopo Pjanic-Arthur con il Barcellona, ​​quella degli scambi resta una strada da seguire con particolare attenzione. Oltre agli eventuali scambi, percorso che potrebbe coinvolgere anche Federico Bernardeschi tra gli altri, c’è anche il percorso delle vendite per guadagnare soldi e poi poter reinvestire nel mercato degli acquisti: uno dei nomi che potrebbe salutare, dopo una sola stagione non certo entusiasmante, lo è Aaron Ramsey, un gallese che ha segnato zero la scorsa estate e ha molti fan della Premier League.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *