Katie Price discute degli abusi online con i parlamentari

Copyright dell’immagine
PA Media

Leggenda

Katie Price con il figlio Harvey, che è stato trascinato online a causa della sua disabilità

Katie Price, ex modella e star della realtà, parlerà in seguito ai parlamentari nell’ambito di un’indagine sugli abusi online.

Lei è praticamente appare per discutere delle sue esperienze, dopo aver messo in evidenza la pesca a traina ricevuta dal figlio disabile Harvey.

La commissione per le petizioni afferma di voler porre fine agli abusi online, soprattutto perché sempre più persone trascorrono il tempo bloccate online.

PM ha dichiarato il mese scorso che il governo stava “lavorando a un ritmo” sulla nuova legislazione sul “danno online”.

Ma Lord Puttnam, presidente del Lords Democracy and Digital Committee, ha dichiarato all’inizio di questa settimana che la legge sulla protezione del governo in linea potrebbe essere ritardata di anni.

La fattura del danno online non può entrare in vigore fino al 2023 o 2024, ha avvertito. Il governo ha tuttavia affermato che la legislazione sarà introdotta “il più presto possibile”.

I deputati chiedono prove come parte della loro nuova indagine, “Combattere gli abusi online”, da organizzazioni di campagne, professionisti legali, società di social media e altri esperti.

Prima della riunione del comitato, la deputata laburista McKinnell ha affermato che gli abusi online erano una “minaccia silenziosa” e che l’inchiesta era “un tentativo di undicesima ora” per terminarlo.

“Con le regole del distanziamento sociale, le persone trascorrono sempre più delle loro vite online”, ha detto.

“L’importanza di fare qualcosa su questo problema prima che causi più danni è più grande che mai.

“Se non agiamo in fretta, allora c’è il rischio reale che un’intera nuova generazione venga irrimediabilmente esposta e abusata dagli abusi online.”

“Fai risplendere una luce”

Price – che era noto come Giordania – è apparso davanti alla commissione per le petizioni nel 2018 dopo che oltre 220.000 persone hanno firmato la sua petizione per rendere un abuso online un abuso online.

La signora McKinnell ha affermato di essere “felice” di dare il benvenuto alla signora Price in commissione, insieme a sua madre Amy, dopo aver mostrato il suo “coraggio” l’anno scorso condividendo le sue esperienze personali.

Ha detto che “evidenzierebbe i problemi chiave” e aiuterebbe la loro indagine “a trovare soluzioni pratiche e tecnologiche al problema”.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaTowie’s Bobby Norris vede “un aumento terrificante” negli abusi online

Arriva dopo che L’unico modo è che la star dell’Essex Bobby Norris ha parlato con i parlamentari per condividere le sue esperienze con gli abusi omofobi.

Più di 133.000 persone hanno firmato la sua petizione sulla lotta contro la pesca a traina.

Affrontando la questione dei “danni online” nei Comuni il mese scorso, il Primo Ministro Boris Johnson ha dichiarato: “Esiste un rischio reale che durante la preclusione, potrebbero accadere cose terribili dietro porte chiuse e tende chiuse in questo paese su Internet.

“Di recente abbiamo avuto un vertice su questo tema nel numero 10 e stiamo lavorando a un ritmo, come lui sa, sulla nuova legislazione in materia di danni online”.

Altrove, il capo Ofcom ha affermato che il cane da guardia non esiterebbe a mettere fine alle società di social media che non trattano contenuti dannosi se, come previsto, viene nominato regolatore.

L’amministratore delegato Dame Melanie Dawes ha affermato che Ofcom prenderà in considerazione la possibilità di sospendere temporaneamente le piattaforme in caso di danni estremi.

Avatar

Elario Necci

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *