Kirill Serebrennikov: regista e regista russo condannato per frode

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

Kirill Serebrennikov, indossando una maschera protettiva, è stato accolto dai sostenitori davanti al tribunale di Mosca

Il noto regista e regista russo Kirill Serebrennikov è stato condannato a pena capitale dopo essere stato dichiarato colpevole di appropriazione indebita.

Lui e altri due sono stati giudicati colpevoli di appropriazione indebita di £ 1,5 milioni ($ 1,86 milioni) di fondi pubblici per un progetto teatrale.

Serebrennikov ha definito queste accuse ridicole. I sostenitori affermano che il caso mira a soffocare l’espressione artistica.

Ma il governo russo ha affermato che il verdetto servirebbe da avvertimento contro la corruzione nelle arti.

Il regista, noto critico della censura dell’arte russa, è stato accolto da una folla di sostenitori al suo arrivo venerdì al suo pubblico. Lui e molti altri indossavano maschere per proteggersi dal coronavirus.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaLa prima apparizione di Serebrennikov nel 2017 ha suscitato proteste

All’interno del tribunale di Mosca, il giudice ha affermato che il regista e i co-imputati Yury Itin e Konstantin Malobrodsky avevano “compiuto azioni mirate all’arricchimento personale” e avevano ingannato il personale del Ministero della Cultura.

Anche Itin e Malobrodsky furono condannati a condanne sospese e multati.

Di cosa è stato accusato il regista?

Il caso riguarda un progetto di arte moderna chiamato Platforma, che si è svolto tra il 2011 e il 2014.

I pubblici ministeri hanno riferito che Serebrennikov aveva formato un gruppo criminale con i suoi co-imputati per firmare contratti per servizi inesistenti e intascare i soldi.

Ha insistito a lungo sul fatto che i soldi fossero spesi correttamente per lo scopo previsto. Il caso è quasi crollato a un certo punto quando un giudice l’ha deferita ai pubblici ministeri a causa di “incoerenze”.

Il processo è ripreso con un nuovo giudice, che ha sostenuto le affermazioni. L’accusa aveva richiesto una pena detentiva di sei anni, ma Serebrennikov è stato condannato a tre anni di sospensione.

Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha affermato che il caso ha giustificato “un’attenta analisi di come vengono spesi i fondi pubblici nelle istituzioni culturali in modo che vi sia meno rischio di corruzione in questo settore”.

Chi è Serebrennikov?

L’uomo di 50 anni gestisce uno dei siti teatrali più importanti di Mosca, il Gogol Center.

La sua produzione di balletto sul ballerino Rudolf Nureyev, disertato durante la guerra fredda, è stata annullata nel 2017.

Descritto come uno dei balletti più attesi della stagione, è stato colpito mentre Serebrennikov era agli arresti domiciliari per il presunto appropriazione indebita.

  • La prima del balletto è stata annullata al Bolshoi
  • La folla chiede il rilascio del regista russo

La sua detenzione è stata vista da molti come motivata politicamente e ha causato un tumulto nelle arti – in Russia e oltre.

Una petizione ha raccolto più di 50.000 firme per esortare i funzionari russi a “abbandonare questa fragile accusa”. Tra i firmatari stranieri c’erano le attrici Cate Blanchett e Nina Hoss e il regista Lars von Trier.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *