La CIA non ha informato verbalmente Trump del rapporto sulla Russia, ha detto il funzionario

L'elicottero militare americano Chinook atterra su un campoCopyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

I media americani hanno affermato che la Russia ha pagato i militanti talebani per uccidere le truppe americane

Il presidente Donald Trump non è stato informato verbalmente delle notizie secondo cui la Russia avrebbe pagato i militanti per uccidere i soldati americani, ha dichiarato il consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien a causa della mancanza di fiducia in informazione.

L’ufficiale della CIA decise che le informazioni non erano state verificate.

O’Brien non ha detto se il presidente ha ricevuto un briefing scritto.

Si ritiene che l’intelligence sia arrivata tra i tentativi degli Stati Uniti di negoziare un accordo di pace per porre fine alla guerra in Afghanistan.

Al momento del presunto piano per colpire il personale di servizio degli Stati Uniti nel 2019, Trump stava anche cercando di migliorare le relazioni con il presidente russo Vladimir Putin.

  • La storia del “premio” russo – una semplice spiegazione
  • Trump ha ricevuto “ briefing scritto sui bonus russi ”

Il New York Times, il Washington Post e il Wall Street Journal, citando anonimi funzionari americani, hanno affermato che un’unità di intelligence militare russa aveva offerto bonus ai militanti legati ai talebani per uccidere le truppe americane.

La Russia ha negato l’informazione, mentre i talebani hanno affermato di non aver fatto alcun accordo con gli agenti di Mosca.

Parlando con Fox Business Network, il signor Trump ha detto: “Quando porti qualcosa a un presidente e vedo molto, molto – e sono sicuro di non vedere molto che non non sono stato all’altezza. E da quello che sento – e lo sento abbastanza bene – le persone dell’intelligence, molti di loro non credevano che fosse successo affatto. “

Mr. O’Brien ha dichiarato che il briefing del presidente della CIA “fa la scelta giusta” scegliendo di non informare il Presidente.

“La persona che ha deciso in anticipo se il presidente dovesse essere informato al riguardo durante il briefing sull’intelligence ovale era un alto funzionario di carriera. E ha preso questa decisione perché non si fidava delle informazioni che sono stati rilasciati “, ha detto.

Ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti avrebbero reagito fermamente se fosse stato confermato che la Russia pagava i militanti talebani per uccidere soldati americani e alleati.

Venti soldati statunitensi sono morti in Afghanistan nel 2019, ma il New York Times ha affermato che non è chiaro quali sospetti siano morti.

Il portavoce della Casa Bianca Kayleigh McEnany ha sottolineato Martedì che Trump non era a conoscenza della questione e ha detto che “gli agenti dell’intelligence canaglia” erano dietro la notizia. fuga al New York Times.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaTrump “la persona più esperta del pianeta Terra” sulle minacce statunitensi – portavoce

“Il presidente accusa false notizie di spacciare una bufala”

Gary O’Donoghue, Corrispondente della BBC Washington

Per diversi giorni, l’amministrazione ha dichiarato che i rapporti sui bonus pagati dalla Russia non erano arrivati ​​all’ufficio del presidente e che non vi era consenso all’interno della comunità dell’intelligence sulla veridicità di Richiesta.

Tuttavia, allo stesso tempo, la Casa Bianca ha anche informato gli alti funzionari di entrambi i partiti congressuali, con alcuni repubblicani che hanno chiaramente preso sul serio le accuse.

L’esercito americano è stato informato delle richieste di risarcimento e sono state poste in essere circostanze, secondo il consigliere per la sicurezza nazionale.

Tuttavia, il presidente ha esitato sull’esistenza delle informazioni, accusando la falsa notizia di spacciare una bufala. Il segretario stampa del presidente, Kayleigh McEnany, ha dichiarato che le informazioni non sono state ancora verificate.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *