La Grande Barriera Corallina subisce un terzo sbiancamento di massa in cinque anni

Copyright dell’immagine
AUTORITÀ DEL PARCO MARINO DEL GRANDE BARRIÈRE RÉCIF

leggenda

Il più grande sistema di barriera corallina del mondo ha subito un altro evento di riciclaggio di massa

La Grande barriera corallina in Australia ha subito un altro evento di riciclaggio di massa – il terzo in soli cinque anni.

Le temperature più calde del mare – specialmente a febbraio – avrebbero causato un’enorme perdita di corallo nel più grande sistema di barriera corallina del mondo.

Gli scienziati affermano di aver rilevato uno sbiancamento diffuso, comprese ampie aree di gravi danni. Ma hanno anche trovato tasche sane.

Due terzi della barriera corallina sono stati danneggiati da eventi simili nel 2016 e nel 2017.

Il sistema di barriera corallina, che copre oltre 2.300 km (1.400 miglia), è un sito del patrimonio mondiale riconosciuto per la sua “enorme importanza scientifica e intrinseca”.

L’anno scorso, l’Australia è stata costretta a declassare le sue prospettive sulla barriera corallina per cinque anni da povero a molto povero a causa dell’impatto del cambiamento climatico indotto dall’uomo.

La Great Barrier Reef Marine Park Authority ha dichiarato giovedì che i suoi ultimi sondaggi aerei hanno dimostrato che la gravità del candeggio varia attraverso la barriera corallina.

Ma ha detto che più aree sono state danneggiate rispetto agli eventi precedenti.

  • I bambini di corallo di Barrier Reef in forte declino
  • Coralli “Cook” della barriera corallina

“La barriera corallina aveva appena iniziato a riprendersi dagli impatti nel 2016 e nel 2017 e ora abbiamo un terzo evento”, ha detto lo scienziato capo David Wachenfeld alla BBC.

“I cambiamenti climatici rendono gli eventi estremi che causano questi impatti sia più gravi che più frequenti, quindi il danno derivante da un evento è peggiore”.

Eventi precedenti hanno interessato i due terzi del sistema di barriera corallina, spazzando via le popolazioni di coralli e distruggendo gli habitat per altre forme di vita marina.

Ma il dott. Wachenfeld ha affermato che alcune barriere coralline chiave per il turismo – nelle regioni settentrionali e centrali – sono state “solo moderatamente imbianchite” quest’anno. Ciò significava che probabilmente il corallo si sarebbe ripreso lì, ha aggiunto.

“La barriera corallina è ancora un sistema dinamico e dinamico, ma nel complesso, con ciascuno di questi eventi successivi, la barriera corallina è più danneggiata di prima”, ha detto.

“Dobbiamo considerare questi eventi come richieste globali per l’azione più forte possibile contro i cambiamenti climatici”, ha affermato.

Le temperature globali sono già aumentate di circa 1 ° C dai tempi preindustriali. Le Nazioni Unite hanno avvertito che se le temperature aumentano di 1,5 ° C, il 90% dei coralli del mondo verrà distrutto.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *