La parata russa sfida la pandemia mentre Putin attua il potere

Copyright dell’immagine
AFP

Il blocco del coronavirus di Mosca fu severo e dispendioso in termini di tempo. Si è conclusa rapidamente e quasi completamente.

I veterani di 90 anni si sono uniti al presidente Vladimir Putin mercoledì per una parata gigantesca per il 75 ° anniversario della Vittoria, come se le maschere per il viso e il distanziamento sociale non fossero mai stati inventati.

E in tutta la città, con il sole che finalmente tramonta, la folla ha invaso i parchi, i bar e le terrazze dei ristoranti, ignorando le settimane nascoste all’interno dell’infezione come un ricordo spiacevole.

Copyright dell’immagine
AFP

Leggenda

I caffè riprendono le loro attività e questi moscoviti prendono precauzioni

Ufficialmente, Covid-19 è stato dichiarato “ritirato”. Ma con oltre 600.000 casi rilevati in tutto il paese, alcuni temono che tali dichiarazioni mirino a spianare la strada alle priorità politiche di Vladimir Putin: una parata e un voto sull’estensione del suo potere.

Come i veterani hanno sfidato il virus

“L’intero paese si stava preparando tutto l’anno per la parata del Giorno della Vittoria”, ha detto l’ufficiale navale in pensione Alexander Goncharov, dopo aver aiutato i veterani della Seconda Guerra Mondiale a partecipare all’evento. rinviata dal 9 maggio dalla pandemia.

Ha detto che 28 di loro, che avevano occupato i posti più vicini al presidente Putin, avevano trascorso più di due settimane in un sanatorio fuori Mosca in quarantena prima della parata, con regolari controlli sanitari e Test cocidi.

Lo stesso giorno, tutti furono coperti con medaglie. Pochissimi indossavano le copertine per il viso.

Copyright dell’immagine
EPA

Leggenda

Il presidente si è rivolto ai russi durante la parata della Piazza Rossa

“Erano sicuri che sarebbero andate bene. Si sono stretti la mano al presidente senza guanti o altro”, ha detto Goncharov alla BBC.

“Se il capo del paese non ha paura, allora sono sicuro che anche i veterani sono fiduciosi”.

Le statistiche possono indicare un approccio più cauto.

Ad aprile, quando Putin ha dichiarato che era troppo rischioso continuare gli eventi del 9 maggio, la Russia stava rilevando ogni giorno circa 3.500 casi di Covid. Attualmente, questa cifra è due volte più alta, sebbene a Mosca il tasso di infezione sia diminuito.

Negozi, parrucchieri – persino lo zoo – sono stati riaperti nelle ultime settimane. Le ultime restrizioni sono state revocate martedì, in particolare per i caffè al coperto, i parchi giochi e le palestre.

Il giorno dopo, migliaia di soldati hanno marciato sui ciottoli della Piazza Rossa per celebrare la sconfitta sovietica contro la Germania nazista, un momento nella storia che Vladimir Putin ha descritto come “sacro”.

Pubblico ridotto per il grande giorno

Per questo grande anniversario, il presidente Putin aveva voluto al suo fianco sul podio i leader mondiali, sottolineando la sua affermazione della Russia moderna come potenza mondiale mentre il suo arsenale militare era sfilato davanti a loro.

La pandemia l’ha pagato.

La manciata di capi di stato che andarono a Mosca provenivano principalmente da ex repubbliche sovietiche. I loro ranghi furono ulteriormente esauriti quando due membri della delegazione kirghisa risultarono positivi per Covid-19, costringendo il presidente a saltare la parata.

Il pubblico, tuttavia, ha sfidato le istruzioni per guardare a casa in televisione: qui sono ancora vietati gli incontri di massa.

Molti si fermarono su ponti e marciapiedi per osservare i carri armati che rotolavano per il centro città. Ignorando la regola della maschera obbligatoria, si sono nascosti dietro le barriere della polizia per scattare foto.

Nessuno è intervenuto per rompere la folla. Questo evento è sempre stato visto come una spinta patriottica; una giornata di benessere dopo alcuni mesi difficili e un promemoria di ciò che Vladimir Putin rappresenta.

Era programmato un giorno prima dell’inizio del voto su un pacchetto di riforme costituzionali che lo avrebbero visto correre ancora due volte per la presidenza.

Avvertenze sui virus prima del voto

In una recente intervista, uno specialista in malattie infettive a Orel, a sud-ovest di Mosca, è stato avvertito delle elezioni.

“Chiunque voglia votare, votare. Ma non ci sono più letti d’ospedale”, ha detto Viktoria Adoneva a un giornale locale. “Ci sarà sicuramente un [surge in cases]; ma non abbiamo nessun posto dove metterli. “

Copyright dell’immagine
EPA

Leggenda

La domanda per molti russi è se la dichiarazione del virus “in ritirata” è stata programmata per consentire il proseguimento del voto

Quando le sue osservazioni hanno suscitato uno scandalo nazionale, ha detto che erano state travisate, ma altri erano d’accordo.

“Penso che questo voto contribuirà solo a diffondere il virus”, avverte il Dr. Anton, un medico di emergenza a Mosca che non vuole che io usi il suo nome.

Il suo ospedale ha continuato a funzionare normalmente dopo aver trattato solo i casi di Covid-19 al culmine della pandemia – un periodo che ricorda “terrificante”.

“L’immagine che creano: la diminuzione del numero di pazienti, la fine delle restrizioni, la sfilata – tutto è meraviglioso, come se non ci fossero problemi. Ma ci sono problemi”, spiega Anton .

Una settimana di votazioni

Lo stesso Vladimir Putin sostiene che la riforma costituzionale che gli consente di correre di nuovo è un voto per la stabilità, eliminando le inquietanti speculazioni su chi gli sarebbe successo nel 2024.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaCon il tasso di approvazione del Presidente Putin al massimo storico, cosa gli stanno facendo le persone della sua città natale?

Per altri, coglie una “finestra di opportunità politica” per assicurarsi che rimanga al potere, incastrato tra un’apparente “vittoria” sul virus e prima che gli effetti economici della pandemia siano pienamente sentiti. .

A Mosca, coloro che desiderano partecipare possono votare online.

È rischioso, secondo gli osservatori elettorali, in termini di brogli elettorali, ma fisicamente più sicuro in caso di pandemia. Per coloro che vengono di persona, il voto è stato ripartito su una settimana.

“Il problema è che tutti hanno smesso di pensare al coronavirus; pensano che sia finita”, preoccupa il dott. Anton.

Dopotutto, il loro presidente – che ha trascorso alcuni mesi a nascondersi nella sua residenza, tenendo videoconferenze – ora cammina senza maschera e senza stringere la mano.

“Le persone si avvicinano sempre di più ai trasporti pubblici e ovunque”, avverte il medico. “Il rischio di una nuova epidemia è molto alto.”

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *