La repressione dei visti mette a rischio i medici delle zone rurali

Nella sua pratica pediatrica a Sioux Falls, nel Dakota del Sud, il Dr. Alaa Al Nofal vede fino a 10 pazienti al giorno. Ne conosce alcuni dalla loro nascita. Altri ancora lo affrontano dopo essersi diplomati alle superiori.

“Sto trattando questi bambini per diabete di tipo 1, problemi alla tiroide, cancro alla tiroide, disturbi della pubertà e malattie delle ghiandole surrenali”, ha detto.

La competenza di Al Nofal è essenziale. È uno dei cinque endocrinologi pediatrici a tempo pieno in un’area di 150.000 miglia quadrate che copre sia il Sud Dakota che il Nord Dakota.

Come la maggior parte delle aree rurali dell’America, è una regione afflitta da una carenza di medici.

“Siamo molto fortunati ad avere qui il Dr. Al Nofal. Non possiamo permetterci di perdere qualcuno con la sua specializzazione”, ha dichiarato Cindy Morrison, direttore marketing di Sanford Health, un sistema sanitario senza scopo di lucro. a Sioux Falls, che gestisce 300 ospedali e cliniche in comunità prevalentemente rurali.

Correlati: il divieto del visto potrebbe peggiorare la carenza di dottori nelle zone rurali dell’America

Eppure Sanford Health potrebbe perdere Al Nofal e molti altri medici essenziali per la sua rete sanitaria.

Dr nofal paziente
Dott. Alaa Al Nofal [here with a patient] è uno dei cinque endocrinoloidi pediatrici del Sud e del Nord Dakota messi insieme.

Il cittadino siriano Al Nofal è a Sioux Falls grazie a uno speciale programma di sviluppo della forza lavoro chiamato esenzione dal visto Conrad 30 – che essenzialmente rinuncia al requisito secondo cui i medici che completano la loro residenza con un visto Il visitatore dello scambio D-1 deve tornare nel proprio paese di origine per due anni prima di richiedere un altro visto USA. La rinuncia a Conrad 30 gli consente di rimanere negli Stati Uniti per un massimo di tre anni, purché accetti di esercitarsi in un’area in cui vi è carenza di medici.

Dopo che il presidente Donald Trump ha emesso un divieto temporaneo di immigrazione impedendo alle persone di sette paesi a maggioranza musulmana – compresa la Siria – di entrare negli Stati Uniti, Al Nofal non è sicuro del suo futuro in America.

“Siamo d’accordo che è necessario fare qualcosa in più per proteggere il paese, ma questo decreto avrà un effetto negativo sui medici di questi paesi che sono fortemente necessari in tutta l’America”, ha affermato Al Nofal. “Potrebbero non voler più praticare negli Stati Uniti”. L’azione è attualmente in un limbo legale dopo una corte d’appello federale temporaneamente interrotto il divieto.

Correlati: Trump furioso dopo che il tribunale ha sospeso il congelamento del divieto di viaggio

Negli ultimi 15 anni, l’esenzione dal visto di Conrad 30 ha trasportato 15.000 medici stranieri in comunità sottoservite.

Sanford Health ha un totale di 75 medici per queste esenzioni dal visto e sette provengono dai paesi elencati nel decreto. “Se perdessimo il dott. Al Nofal e gli altri nostri medici J-1, non saremmo in grado di colmare le lacune critiche nell’accesso alle cure sanitarie per le famiglie rurali”, ha dichiarato Morrison di Sanford Health.

E il divieto potrebbe anche danneggiare la pipeline di nuovi medici. Il programma di esenzione dal visto Conrad 30 è finanziato da laureati in medicina con un visto J-1 non immigrato che hanno completato la loro residenza negli Stati Uniti.

Sud Dakota rurale
Mucche in un campo appena fuori dalle cascate di Sioux.

Più di 6000 tirocinanti medici da paesi stranieri registrarsi ogni anno per programmi di residenza negli Stati Uniti con visti J-1. Secondo l’American Association of Medical College, circa 1.000 di questi stagisti provengono da paesi colpiti dal divieto. I titolari di visto J-1 che erano fuori dal paese quando il divieto è entrato in vigore non hanno potuto entrare né completare gli studi mentre il divieto era in vigore.

Il Dipartimento di Stato ha detto a CNNMoney che il governo potrebbe rilasciare visti J-1 a persone provenienti da uno dei paesi bloccati se fosse “nell’interesse nazionale”, ma non confermerebbe se una carenza di medici sarebbe qualificarsi per tale considerazione.

“Lo stress e la preoccupazione generati dal decreto a breve termine potrebbero avere implicazioni a lungo termine, con un minor numero di medici che scelgono programmi di formazione negli Stati e allargano ulteriormente il deficit dei fornitori disposti a praticare nelle aree sottoservito e rurale “, ha detto il dottor Larry. Dial, vicepreside degli affari clinici presso la facoltà di medicina della Marshall University di Huntington, Virginia Occidentale.

Correlati: impatto di Obamacare su questa città dell’Alaska con un unico studio medico

Al Nofal ha frequentato la scuola di medicina a Damasco, la capitale della Siria, e ha completato la sua residenza all’Università del Texas con un visto J-1. Ha fatto una borsa di studio per la Mayo Clinic e poi ha chiesto una deroga D-1, che lo ha messo a Sioux Falls.

Diciannove mesi dopo il suo impegno triennale, Al Nofal elabora o serve direttamente consultare un medico con più di 400 pazienti pediatrici al mese in media.

Vede la maggior parte dei suoi pazienti presso la Clinica specializzata per bambini di Sanford a Sioux Falls, dove le famiglie spesso trascorrono ore per un appuntamento. Una volta al mese, vola su un piccolo aereo per vedere i pazienti in una clinica ad Aberdeen, a circa 200 miglia di distanza.

bambini di Sanford
Molti dei pazienti del Dr. Al Nofal trascorrono ore per vederlo alla Clinica pediatrica di Sanford a Sioux Falls.
Aberdeen Hospital
Una volta al mese, il dott. Nofal vola ad Aberdeen, nel sud-est, per vedere i pazienti in una clinica vicina.

“Non è facile essere un medico in questo contesto”, ha detto Al Nofal, citando le lunghe ore e gli inverni gelidi del Sud Dakota. “Ma come medico, sono addestrato per aiutare le persone in qualsiasi circostanza e ne sono orgoglioso.”

Questo è uno dei motivi per cui Al Nofal e sua moglie americana Alyssa hanno avuto difficoltà ad accettare il divieto di visto.

“Ho un bambino di 10 mesi e non posso viaggiare in Siria ora. La mia famiglia in Siria non può venire qui”, ha detto. “Ora la mia famiglia non può incontrare il loro primo nipote.”

“So che se andiamo via, probabilmente non potrò mai più tornare”, ha detto. Inoltre, non vuole viaggiare da nessuna parte nel paese in questo momento. “Ho paura del modo in cui sarò trattato”, ha detto. Ha anche paura di essere arrestato all’aeroporto, anche se va in un altro stato.

Correlati: divieto di viaggio di Trump e cosa devi sapere

Almatmed Abdelsalam, di Bengasi, in Libia, aveva in programma di iniziare a esercitare la professione di medico di famiglia a Macon, in Georgia, nell’ambito del programma di esenzione dal visto dopo aver completato la sua residenza presso il College of Medicine Università della Florida centrale a luglio.

Stava andando tutto bene. Abdelsalam, che tratta i pazienti ospedalieri e i veterani, ha presentato domanda di esenzione dal visto ed è stato accettato. Ha firmato un contratto di lavoro con Magna Care, che fornisce medici per tre ospedali nell’area di Macon, e ha iniziato a cercare case per il reinsediamento, sua moglie e due bambini piccoli durante l’estate.

almatmed abdelsalam
Il dottor Almatmed Adbelsalam con la sua famiglia.

Ma c’era un ultimo passo. Affinché la sua richiesta di esonero D-1 sia completata, deve ottenere l’approvazione finale dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e dai servizi di cittadinanza e immigrazione.

“Il decreto è intervenuto nel mezzo di questo processo, bloccando la mia candidatura per il Dipartimento di Stato”, ha detto.

Poiché è un cittadino libico (anche la Libia è soggetta al divieto di visto), Abdelsalam ha paura del risultato.

“L’ospedale di Macon ha urgentemente bisogno di medici. Anche se mi hanno assunto, non so per quanto tempo potranno aspettarmi”, ha detto.

“Nessuno può dire che è necessario mantenere il paese sicuro, ma dobbiamo anche mantenere il paese sano”, ha detto. “Medici come me, formati negli Stati Uniti in alcune delle migliori scuole, sono un vantaggio, non una responsabilità.”

CNNMoney (New York) Pubblicato per la prima volta il 10 febbraio 2017: 19:47 ET

Tommaso I  Genovese

Tommaso I  Genovese

Tommaso è un'ancora sportiva e corrispondente per Dico News. Nato in Inghilterra e con sede presso la sede di Dico News, copre le principali notizie sportive e gli eventi per Dico News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *