La Russia nega che le centrali nucleari causino perdite di radiazioni

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

La centrale nucleare di Leningrado funziona normalmente, dicono i funzionari russi

La Russia ha affermato che una perdita di materiale nucleare rilevata in Scandinavia non proviene da una delle sue centrali elettriche.

I supervisori della sicurezza nucleare in Finlandia, Norvegia e Svezia hanno dichiarato la scorsa settimana di aver scoperto quantità più elevate del solito di isotopi radioattivi nell’atmosfera.

Un’agenzia olandese di sanità pubblica ha dichiarato che, dopo aver analizzato i dati, riteneva che il materiale provenisse dalla “direzione della Russia occidentale”.

Ha detto che il materiale potrebbe indicare “danni a un elemento combustibile”.

Ma in una dichiarazione, l’ente russo per l’energia nucleare ha affermato che le sue due centrali nel nord-ovest – la centrale nucleare di Leningrado e la centrale nucleare di Kola – funzionavano normalmente e che non erano state fatte perdite. segnalati.

“Non ci sono state lamentele sul lavoro dell’attrezzatura”, ha detto un portavoce dell’operatore nucleare controllato dallo stato, Rosenergoatom. ha detto all’agenzia di stampa Tass.

“Le emissioni cumulative di tutti gli isotopi specificate durante il periodo summenzionato non hanno superato le cifre di riferimento.”

  • La Norvegia scopre grandi perdite di radiazioni dal sottomarino russo
  • La Russia esplora le ex discariche nucleari nell’Artico

I livelli di radiazione intorno alle due piante “sono rimasti invariati a giugno”, ha aggiunto il portavoce.

Lassina Zerbo, segretaria esecutiva dell’Organizzazione globale del trattato sul divieto dei test nucleari (CTBTO) ha twittato venerdì che la sua stazione di monitoraggio di Stoccolma ha rilevato tre isotopi – Cs-134, Cs-137 e Ru-103 – a livelli più alti del solito ma non dannosi per la salute umana.

Le particelle sono state rilevate il 22 e 23 giugno, ha detto.

L’Istituto nazionale olandese per la sanità pubblica e l’ambiente nei Paesi Bassi ha dichiarato venerdì che la composizione del materiale nucleare “potrebbe indicare un danno a un elemento di combustibile in una centrale nucleare”.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica – il cane da guardia nucleare delle Nazioni Unite – ha detto sabato di essere a conoscenza di notizie e ha cercato ulteriori informazioni dagli Stati membri.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *