La startup ha un reddito di 100 mila euro, deve pagare 110 mila tasse alle autorità fiscali

LA STORIA di un imprenditore civitanoviano. Il conto dell’Agenzia delle entrate: IRPEF, a saldo e in conto, IRPEF aggiuntivo, INPS, Irap e, in effetti, quest’ultimo si è abbonato ad esso tramite Covid, altrimenti sarebbero stati 10 mila euro in più

riscossione delle imposte sui file

di Luca Patrassi

La startup, nel suo primo anno di attività, ha un reddito imponibile di poco più di centomila euro. Il proprietario della ditta individuale è stato visto presentare il conto delle tasse e dei contributi, in pareggio e in conto, da pagare alle autorità fiscali: 110 mila euro, che potrebbero beneficiare del fatto che, per l’emergenza Covid 19, il governo ha saldo annullato e pagamenti del conto per Irap. In questo caso, ciò avrebbe rappresentato diecimila euro in più. Pertanto, un imprenditore che apre un’attività in proprio, che sta anche facendo bene, produce un reddito di centomila euro, dovrebbe pagare allo stato 120 mila euro in condizioni normali.. In altre parole, a seconda dello stato, ha senso matematicamente che qualcuno che riscuote un centinaio paga 120 tasse, dovendo – quindi forse le entrate della cittadinanza vengono in soccorso – anche vivere. Tuttavia, lo Stato ha già chiarito la scelta del nome del suo interlocutore fiscale: non è un caso che si chiami Agenzia delle entrate, non equità fiscale. Le parole hanno un significato profondo, che rivela anche le intenzioni nascoste dell’interlocutore. Ricevi pagamenti, pagamenti, pagamenti. L’imprenditore civile ha anche scoperto che con un reddito del 2019 di poco più di centomila euro, è stato visto preparare un modulo di pagamento fiscale per 110 mila euro. Non come uno scherzo, nero su bianco. Irpef, a conti fatti e per conto, Irpef aggiuntivo, Inps, Irap. In effetti, Irap ha sottoscritto il governo a causa di Covid, altrimenti sarebbero stati altri diecimila euro. Secondo l’Agenzia delle entrate, ha perfettamente senso chiedere imposte per 120 mila euro contro centomila entrate. Non è noto se l’imprenditore in questione, avendo scoperto come funziona il sistema fiscale, abbia deciso di proseguire il secondo anno di attività. Si potrebbe obiettare che, una volta trascorso il primo anno, arrivano i progressi di Irpef e quindi le tasse cadono in percentuali assurde ma non nella fantascienza. Inoltre, non puoi nemmeno chiedere di pagare gli importi in rate: puoi farlo quando, non pagando la fattura, Inland Revenue ti invia un avviso di riconciliazione bonario. Quindi puoi chiedere di pagare a rate ma pagando il 10% in più come penalità. Come dire che è meglio andare in banca e richiedere un prestito per aiutare a pagare le tasse che sono più del tuo reddito. E non è quello del civitanovois un caso anormale: è la norma per coloro che, proprietari di una ditta individuale con un regime extra-fisso, producono un reddito di questo tipo il primo anno di attività. Rimane una questione fondamentale che, tuttavia, non può essere indirizzata all’Agenzia delle entrate. Nel senso che se il problema è ovvio e non lo affrontano, ovviamente si adatta a loro. Quindi forse altri faranno statistiche sulle attività che finiscono. Colpa di Covid.

Avatar

Regina D  Dellucci

Regina D è un'ancora premiata e corrispondente per Dico News. Si reca regolarmente in campo per ancorare e riferire su importanti notizie di attualità tra cui proteste, attacchi terroristici, test sulle armi. Per Dico News, ha anche ospitato spettacoli sulla tecnologia, mentre conduceva interviste approfondite con alcuni dei pensatori più innovativi del mondo. Con sede in Italia da due decenni, Regina mantiene un focus su come gli sviluppi in Italia stanno cambiando radicalmente il mondo per tutti noi. Regina è rimasta impegnata a riferire sul paese. Ha anche contribuito al lancio di On Italy, la prima serie regolare di Dico incentrata sul paese. Nel 2018, Regina ha assegnato il premio Best News o Current Affairs Presenter Awards. È stata anche riconosciuta più volte agli Europian Television Awards e dalla Royal Television Society.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *