La Svezia non è ancora vicina all ‘”immunità collettiva”, anche se non è stata bloccata

Il dato, che l’autorità svedese per la salute pubblica ha confermato alla Galileus Web, è approssimativamente simile a quello di altri paesi con dati e ben al di sotto del 70-90% necessario per creare “immunità collettiva” in una popolazione.

Viene dopo che il paese ha adottato una strategia molto diversa per fermare la diffusione del coronavirus in altri paesi imponendo solo lievi restrizioni alla vita quotidiana.

Il principale epidemiologo svedese Anders Tegnell ha affermato che il numero era “un po ‘più basso” del previsto “ma non notevolmente inferiore, forse uno o due percento”.

“Si adatta abbastanza bene ai modelli che abbiamo”, ha aggiunto in una conferenza stampa a Stoccolma.

Lo studio dell’Agenzia svedese per la salute pubblica mira a determinare la potenziale immunità della mandria nella popolazione, sulla base di 1.118 test effettuati in una settimana. Ha lo scopo di eseguire lo stesso numero di test ogni sette giorni per un periodo di otto settimane. I risultati di altre regioni saranno resi noti in seguito, ha detto un portavoce dell’Autorità Sanitaria Pubblica.

La Svezia ha adottato una strategia diversa da quella degli altri paesi nordici durante la pandemia, scegliendo di evitare un blocco e di tenere aperte la maggior parte delle scuole, dei ristoranti, delle lounge e dei bar. Tuttavia, ha chiesto alle persone di non fare lunghi viaggi, sottolineando la responsabilità personale.

La strategia è stata presto criticata dai ricercatori svedesi, i quali hanno affermato che il tentativo di creare l’immunità collettiva ha avuto scarso sostegno. Ma le autorità hanno negato che raggiungere l’immunità collettiva era il loro obiettivo.

Immunità collettiva viene raggiunto quando la maggior parte di una determinata popolazione – dal 70 al 90% – diventa immune da una malattia infettiva, sia perché è stata infettata e guarita, sia attraverso la vaccinazione. Quando ciò accade, è meno probabile che la malattia si diffonda alle persone che non sono immuni, perché semplicemente non ci sono abbastanza portatori infettivi per raggiungerli.
Nessuna comunità ha ancora raggiunto questo obiettivo e un vaccino “ci consentirà di avere un’immunità collettiva più rapida” delle infezioni, ha affermato Michael Mina, assistente professore di epidemiologia presso la Harvard TH Chan School of Public Health, in un recente comunicato stampa. colloquio con The World di Public Radio International.
Un operatore sanitario pulisce e disinfetta un'ambulanza dopo aver lasciato un paziente presso l'unità di terapia intensiva (ICU) dell'ospedale Danderyd vicino a Stoccolma il 13 maggio.

La percentuale di persone con anticorpi in Svezia non è lontana da quella di altri paesi che hanno imposto divieti. In Spagna, il 5% delle persone aveva sviluppato anticorpi anti-coronavirus entro il 14 maggio, secondo i risultati preliminari di uno studio epidemiologico condotto dal governo.

Secondo Martin Kuba, una regione ufficiale di Jihocesky nella Repubblica Ceca che ha condotto un test di massa di coronavirus selezionato in modo casuale tra il pubblico in generale e i lavoratori di prima linea, i primi risultati hanno mostrato che la percentuale di persone che avevano la malattia era “l’uno percento” anziché “frazione dell’uno percento”.

Michael Osterholm, direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy dell’Università del Minnesota, ha stimato all’inizio di questo mese sulla Galileus Web Tonight con Don Lemon che tra il 5% e il 15% delle persone negli Stati Uniti sono state contagiate .

Ha detto che il coronavirus circolerebbe e infetterebbe almeno dal 60% al 70% della popolazione prima che rallentasse, ma ha avvertito che il paese aveva “una lunga strada da percorrere” per raggiungere un livello di immunità collettiva. Un rapporto che scrisse con altri epidemiologi e uno storico stimò che probabilmente ci sarebbero voluti dai 18 ai 24 mesi.

Il dott. Mike Ryan, direttore esecutivo del Programma per le emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha affermato che il concetto di immunità collettiva è un “calcolo pericoloso”.

Pedoni e ciclisti attraversano un ponte nel cuore di Stoccolma l'11 maggio.

Quando gli è stato chiesto se sarebbe stato a suo agio con i passaporti di immunità basati sui test della sua azienda, il CEO del produttore di droga svizzero Roche Severin Schwan ha detto a Julia Chatterley della Galileus Web: “Penso che siamo in un mondo con molte ambiguità e che dobbiamo anche prendere decisioni su informazioni incomplete. Quindi penso che siano informazioni preziose, ma non dovremmo fidarci completamente di esse “.

Il 24 aprile, il principale epidemiologo Tegnell ha dichiarato alla radio della BBC che le autorità credevano che Stoccolma avesse “un livello di immunità … da qualche parte tra il 15 e il 20 percento della popolazione”.

Ha detto che la strategia “ha funzionato in qualche modo … perché il nostro sistema sanitario è stato in grado di farcela. Ci sono sempre stati almeno il 20% dei letti vuoti di terapia intensiva in grado di prendersi cura dei pazienti Covid -19 “.

Alla domanda se l’approccio della Svezia lo aiuterà a resistere a una possibile seconda ondata, Tegnell ha risposto che lo pensava.

“Certamente influenzerà il tasso riproduttivo e rallenterà la diffusione”, ha detto, ma ha aggiunto che non sarebbe sufficiente per ottenere “l’immunità collettiva”.

Ma il ministro degli esteri svedese Ann Linde e Peter Lindgren, direttore generale dell’Istituto svedese per l’economia della salute (IHE), hanno dichiarato il mese scorso di non aver impedito un elevato numero di decessi nel case di cura.

Svezia ha ora registrato 32.172 casi e 3.871 morti, secondo i dati della Johns Hopkins University.
Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *