Lazarus Chakwera ha prestato giuramento come Presidente del Malawi dopo la storica vittoria

Copyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

La fortuna politica di Lazarus Chakwera è stata ripresa da una sentenza del tribunale che ha annullato le elezioni sbagliate dell’anno scorso

Lazarus Chakwera ha prestato giuramento come presidente del Malawi dopo aver vinto una rielezione.

Ha sconfitto il presidente uscente Peter Mutharika con il 58,57% dei voti nel sondaggio di martedì, ha annunciato la commissione elettorale sabato.

A febbraio, la Corte costituzionale del Malawi ha annullato la vittoria di Mutharika alle elezioni del maggio 2019, citando un voto falsificato.

Il paese è stato amaramente diviso in vista delle elezioni di questa settimana.

Altri paesi africani hanno visto le elezioni annullate – questo è accaduto in Kenya nel 2017 – ma per il candidato dell’opposizione, continuare e vincere una ripetizione non ha precedenti, secondo i corrispondenti.

Parlando prima dei risultati di sabato, Mutharika ha affermato che se avesse ritenuto le elezioni “inaccettabili”, voleva sinceramente che spingessimo avanti questo paese piuttosto che indietro.

  • Come i coraggiosi giudici hanno respinto una “elezione di secondo grado”

Saulos Chilima, il compagno di corsa del sig. Chakwera, ha anche prestato giuramento come vicepresidente durante una cerimonia nella capitale, Lilongwe.

Chakwera, predicatore pentecostale ed ex professore di teologia, deve prima curare una nazione che ha attraversato molti mesi di tumulti politici.

Perché c’è stato un nuovo voto?

Una ripresa delle elezioni del 2019 è stata ordinata dopo che la Corte costituzionale ha constatato che il sondaggio iniziale era stato guastato da irregolarità generalizzate.

Questa elezione ha visto il presidente Mutharika appena rieletto con meno di 159.000 voti.

Chakwera, che è arrivato secondo in questa elezione, ha sostenuto che le forme di conteggio sono state erroneamente aggiunte e falsificate.

Una donna che vota in Malawi, 21 maggio 2019

Getty Images

Elezione di 13 mesi in Malawi

  • Prima elezione21 maggio 2019

  • Mutharikagiurato il 27 maggio 2019

  • Migliaia di manifestantiil 20 giugno 2019, lamentando frode

  • Corte Costituzionalele inversioni avvengono il 3 febbraio 2020 e gli ordini riprendono

  • La Corte respingeAppello di Mutharika l’8 maggio 2020

Fonte: BBC

L’incertezza che circonda il risultato ha innescato mesi di tensione, che si sono riversati in scontri tra sostenitori dell’opposizione e polizia.

La cancellazione di febbraio ha portato alcuni a rallegrarsi, ma Mutharika l’ha definita “una grave sovversione della giustizia” che ha segnato la morte della democrazia del paese.

C’erano preoccupazioni per la logistica e la sicurezza dello svolgimento delle elezioni nel bel mezzo della pandemia globale di coronavirus.

Copyright dell’immagine
AFP

Leggenda

Il replay di questa settimana è stato in gran parte pacifico, nonostante le profonde tensioni

Chi è Lazzaro Chakwera ?

Il leader dell’opposizione, un ex chierico, dirige il Malawi Congress Party (MCP).

Nato a Lilongwe da un agricoltore di sussistenza, il laureato in filosofia e teologia si è impegnato ad aumentare il salario minimo nazionale, tra le altre riforme.

Lazzaro Chakwera

AFP

Lazzaro Chakwera

Candidato alla Tonse Alliance

  • Nato 5 aprile 1955

  • Studi teologici in Malawi, Sudafrica e Stati Uniti

  • Pastore e relatore ha lavorato presso la scuola teologica delle assemblee di Dio

  • Authored diversi libri di religione tra cui Reach the Nations

  • Ho funzionato come presidente nel 2014 e arrivò secondo

Fonte: BBC Monitoring

Chakwera è a capo di una coalizione composta da nove partiti, la Tonse Alliance, ed è stata sostenuta dall’ex presidente Joyce Banda e dal sig. Chilima, che era membro del Parlamento per il sig. Mutharika.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *