LeBron James ottiene $ 100 milioni per la Media Company

James LebronCopyright dell’immagine
Reuters

Leggenda

La società prende il nome dall’appartamento in cui James è stato cresciuto

LeBron James e il suo socio in affari hanno assicurato $ 100 milioni (£ 90 milioni) in investimenti per il loro business dei media che mira a rafforzare il pubblico nero.

SpringHill Entertainment, è presieduto da James con il socio in affari Maverick Carter come CEO. Serena Williams è nel consiglio di amministrazione.

Si descrive come una società di media con un programma senza scuse che darà voce a creatori e consumatori.

La società prese il nome dal complesso di appartamenti dell’Ohio dove James è cresciuto.

I finanziamenti per SpringHill Entertainment si sono conclusi a marzo, ma è stato annunciato giovedì, secondo Variety.

La società è il risultato di tre progetti uniti: la società di produzione SpringHill Entertainment, la società di media digitali Uninterrupted e la Robot Co, un’agenzia di marketing.

  • “Parla e fatti sentire” – Perché i media neri sono importanti
  • Continuerò l’eredità di Bryant: James

James ha affermato che il suo team comprende oltre 100 dipendenti, “il 64% delle persone di colore e il 40% delle donne in un settore che ha una media del 25%”.

In una dichiarazione, James ha dichiarato: “Ho sempre voluto utilizzare la piattaforma di basket per potenziare coloro che mi circondavano. Ora sono incredibilmente entusiasta dell’opportunità di costruire un business che autorizzi creatori, consumatori e tutto ciò che tocca.

“La SpringHill Company definisce l’empowerment. Lo vedi nel team che abbiamo creato, nelle storie che raccontiamo e nella comunità che servirà il nostro lavoro.”

SpringHill Entertainment sta già lavorando a un film di basket con Netflix. Questo è con Adam Sandler.

Avatar

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *