Legge sulla sicurezza di Hong Kong: condanne a vita per violazione della legge

Copyright dell’immagine
AFP

I residenti di Hong Kong rischiano la vita dietro le sbarre per aver infranto la controversa nuova legge sulla sicurezza imposta dalla Cina.

I dettagli della legge, che criminalizza la secessione, la sovversione e la collusione con forze straniere, sono stati resi noti dopo la sua entrata in vigore.

I critici affermano che la nuova legge limita efficacemente la protesta e la libertà di espressione.

È stato introdotto da Pechino a seguito di maggiori disordini e di un crescente movimento a favore della democrazia.

Il leader di Hong Kong Carrie Lam ha difeso la legge, dicendo che ha riempito un “buco” nella sicurezza nazionale. In precedenza, il politico sostenuto da Pechino ha ammesso di non aver visto il progetto.

Il Regno Unito, l’UE e la NATO hanno tutti espresso preoccupazione e rabbia, mentre i gruppi democratici hanno iniziato a dissolversi.

Cosa sappiamo della legge?

Tutti i dettagli della nuova legge non sono stati rivelati fino a dopo la sua entrata in vigore martedì alle 23:00 ora locale (16:00 BST). Capiscono che:

  • I reati di secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere sono punibili con una pena minima di 10 anni, la pena massima è la vita
  • Il danneggiamento del trasporto pubblico può essere considerato terrorismo
  • I condannati non potranno candidarsi a cariche pubbliche
  • Le aziende possono essere multate se ritenute colpevoli dalla legge
  • Pechino istituirà un nuovo ufficio di sicurezza a Hong Kong, con il proprio personale delle forze dell’ordine, nessuno dei quali rientrerebbe nella giurisdizione delle autorità locali
  • Chi è sospettato di violare la legge può essere intercettato e posto sotto sorveglianza
  • La gestione delle organizzazioni non governative e delle agenzie di stampa straniere sarà rafforzata
  • La legge si applicherà anche ai residenti non permanenti

La Cina ha anche affermato che riprenderà i procedimenti giudiziari nei casi ritenuti “molto gravi”, mentre alcuni processi si terranno a porte chiuse.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *