L’hacker di DForce restituisce $ 25 milioni in criptovalute “ rubate ”

Copyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Il denaro è stato restituito due giorni dopo

Un misterioso hacker avrebbe rubato $ 25 milioni (£ 20 milioni) in criptovalute – poi restituito i fondi due giorni dopo.

I registri mostrano che i fondi in varie criptovalute sono stati prelevati dalla piattaforma DForce con sede in Cina.

Un importo di $ 10 milioni è stato prelevato da Ethereum, ad esempio, mentre altri $ 10 milioni sono stati prelevati da monete digitali collegate al dollaro USA e $ 4 milioni da altre monete.

All’incirca lo stesso importo è stato ora restituito, sebbene in una diversa combinazione di criptovalute.

DForce è un servizio online che consente agli utenti di effettuare transazioni di criptovaluta tra loro.

“Gli hacker hanno cercato di contattarci e intendiamo chattare con loro”, ha scritto Mindao Yang, fondatore di DForce. in un blog poco dopo l’attacco, Domenica.

“Questo attacco ha danneggiato non solo i nostri utenti, i nostri partner e i miei co-fondatori, ma anche me personalmente. Anche la mia proprietà è stata rubata durante questo attacco”, ha aggiunto.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaBitcoin ha spiegato: come funzionano le criptovalute?

Yang ha promesso un nuovo aggiornamento della situazione più tardi oggi. La BBC ha anche contattato DForce per un commento.

In un blog tecnico sulla sospetta pirateria, la società di sicurezza blockchain PeckShield, ha spiegato come l’attaccante è riuscito a rimuovere la criptovaluta tradendo il sistema DForce.

In sostanza, l’attaccante sarebbe stato in grado di prelevare fondi convincendo il sistema che il denaro era stato depositato, quando in realtà era stato sottratto.

Avatar

Accardi

Accardi è un produttore digitale di Dico News con sede in Italia. Copre le ultime notizie e scrive sulla regione di Itlay, con particolare attenzione ai diritti umani. Prima di entrare a far parte di Dico News nel 2018, Accardi è stato redattore e scrittore presso TEME e produttore di video per i media in esilio in Myanmar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *