L’impatto allergico “sottovalutato” delle erbacce invasive

Copyright dell’immagine
Prof. Heinz Müller-Schärer

Gli scienziati sostengono che l’impatto dell’ambrosia invasiva sulla salute umana in Europa potrebbe essere “seriamente sottovalutato”.

Allergie causate dall’ambrosia comune (Ambrosia artemisiifolia) colpiscono circa 13,5 milioni di persone in Europa, secondo il loro studio.

Ciò si traduce in 7,4 miliardi di euro (£ 6,5 miliardi) di spese sanitarie all’anno.

Ma gli autori sostengono che la pianta potrebbe essere controllata da uno scarabeo, che è di per sé non nativo in Europa.

Lo scarabeo di ambrosia nordamericano (Ophraella communa) è arrivato per caso in Europa nel 2013. Lo scarabeo attacca il fogliame dell’ambrosia; studi sul campo in Italia hanno dimostrato che lo scarabeo può ridurre del 82% il polline di ambrosia.

L’ambrosia è anche originaria del Nord America ed è ora stabilita in 30 paesi in tutta Europa, dalla penisola iberica e dei Balcani alla Scandinavia e alle isole britanniche nel nord.

Il polline di questa pianta invasiva provoca una serie di sintomi da starnuti a prurito agli occhi. Peggiora anche condizioni come l’asma e l’eczema.

Cauto ottimismo

Urs Schaffner del CABI di Delémont, in Svizzera, e i suoi colleghi hanno quantificato i benefici economici del controllo dell’ambrosia con lo scarabeo.

Schaffner ha dichiarato: “Il nostro studio dimostra che gli effetti dell’ambrosia comune sulla salute umana e sull’economia sono finora molto sottostimati, ma che il controllo biologico Ophraella communa potrebbe mitigare questi impatti in alcune parti d’Europa. “

Utilizzando i dati del programma europeo di monitoraggio del polline, il Dr. Schaffner e i suoi colleghi hanno mappato il polline di ambrosia stagionale totale in Europa dal 2004 al 2012 – prima dell’introduzione dello scarabeo.

Per arrivare a un certo numero di pazienti che soffrono di allergia al polline di ambrosia, i ricercatori hanno confrontato la loro valutazione su scala europea con dati sanitari dettagliati del sud-est della Francia.

Copyright dell’immagine
Getty Images

leggenda

Il polline di ambrosia può causare una serie di sintomi da prurito agli starnuti

Sono stati quindi in grado di determinare i costi economici complessivi dell’assistenza sanitaria per trattare i sintomi e altri effetti – come la perdita dell’orario di lavoro – del polline di ambrosia.

Ma hanno anche concluso che il controllo biologico della pianta dell’ambrosia con lo scarabeo potrebbe ridurre il numero di persone allergiche da 13,5 a circa 11,2 milioni e ridurre i costi sanitari di 7 , Da 4 a 6,4 miliardi di euro all’anno.

“A questo punto, il controllo biologico dell’ambrosia è già in corso in Italia”, ha dichiarato il Dr. Schaffner.

“Qualsiasi altro paese che desideri utilizzare O. communa Per il controllo biologico dell’ambrosia, dovrebbe essere effettuata una valutazione dei rischi e dei benefici e le autorità nazionali devono approvare l’uso di questo insetto esotico per il controllo biologico nel proprio paese. “

Domanda sul girasole

Il Dr. Schaffner ha affermato che alcuni anni fa l’Australia stava valutando la possibilità di pubblicare lo scarabeo. Ma, ha spiegato, “hanno scoperto che in condizioni di laboratorio O. communa può completare il suo sviluppo sui girasoli e quindi rifiutarlo come agente di controllo biologico sicuro.

Ha detto alla BBC News: “Quindi, dopo che lo scarabeo è stato introdotto accidentalmente in Cina, i cinesi hanno fatto una serie di studi sul campo e non hanno trovato prove che O. communa attaccerebbe effettivamente i girasoli in condizioni di campo. I nostri studi nel nord Italia hanno rivelato risultati molto simili. “

Inoltre, ha affermato il prof. Heinz Müller-Schärer, autore principale, lo scarabeo ha convissuto con i raccolti di girasole negli Stati Uniti per decenni. “Non abbiamo trovato segnalazioni di danni causati da questo coleottero girasole negli Stati Uniti”, ha detto.

Ma i ricercatori vogliono eseguire test aggiuntivi prima che lo scarabeo si diffonda deliberatamente.

Lo scarabeo è più adatto a temperature più calde rispetto ai climi più freddi trovati nel nord Europa. Ma potrebbe esserci un modo per aggirare questo problema.

“Nel nord Italia, le condizioni climatiche consentono allo scarabeo di completare quattro generazioni in una sola stagione, permettendo allo scarabeo di sviluppare densità molto elevate”, ha affermato il Dr. Schaffner.

“Nei paesi in cui il clima è più fresco, questo potrebbe non essere possibile; in questi casi, rilasci massicci di coleotteri all’inizio dell’anno potrebbero essere un’opzione per aumentare l’impatto dello scarabeo sulle erbacce”.

Il professor Müller-Schärer ha dichiarato alla BBC News: “Inoltre, sono attualmente in corso esperimenti per selezionare varietà di coleotteri adattate al freddo che potrebbero poi essere rilasciate nelle zone più fredde dell’ambrosia europea”.

Segui Paul su Twitter.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *