L’incubo Brexit di Boris Johnson ritorna nel peggior momento possibile

Ecco dove si trova: il Regno Unito ha lasciato ufficialmente l’UE il 31 gennaio. Da allora, è stato in un periodo di transizione in cui rispetta ancora le norme dell’UE in cambio dello status quo in settori chiave, in particolare il commercio.

L’obiettivo del periodo di transizione era quello di creare uno spazio in cui le due parti potessero negoziare in modo sicuro le loro relazioni future senza disturbare aziende e cittadini. Tuttavia, questo periodo di transizione termina il 31 dicembre e fonti di entrambe le parti affermano che questi negoziati non stanno andando molto bene.

La pandemia non ha aiutato la situazione di stallo politico. I team di negoziazione non sono stati in grado di incontrarsi fisicamente, basandosi invece su strumenti di videoconferenza. Il prossimo round di colloqui virtuali inizierà martedì, ma fonti di entrambe le parti hanno affermato che ciò ha penalizzato la qualità dei negoziati, poiché gli individui non potevano partecipare a conversazioni private su come risolvere i problemi spinosi. E l’entità della crisi del coronavirus ha messo in ombra l’urgenza dei colloqui sulla Brexit.

Johnson deve ora trascorrere giugno con un occhio ai negoziati complicati e difficili con il più grande blocco commerciale del mondo, supervisionando la risposta alla peggiore crisi di salute pubblica del paese negli ultimi decenni.

Le due parti hanno convenuto che giugno sarebbe stato usato come un periodo per riflettere sull’eventuale accordo in vista o sulla necessità di mettere rispettosamente una palla nei colloqui e prepararsi per uno scenario senza un accordo.

Nessun accordo è quasi universalmente accettato come il peggior risultato possibile. L’economia britannica dipende fortemente dalle importazioni dall’Europa. La massima perturbazione di questo commercio inciderebbe sulle catene di approvvigionamento – rendendo la vita un inferno per le imprese, come le case automobilistiche, che dipendono da essa e portando a potenziali carenze di beni di prima necessità consumatori. Molti studi hanno predetto che sarebbe un duro colpo economico per le famiglie e la nazione nel suo insieme.

Sebbene né il Regno Unito né l’UE fingano di volere questo risultato, i negoziatori temono che lo stallo politico significhi che sta diventando sempre più probabile. “L’UE è irragionevole, chiedendo che se vogliamo un accordo di libero scambio, ciò debba comportare il costo del nostro perseguimento delle norme dell’UE”, ha affermato un funzionario del governo britannico, a cui non è stato permesso di parlare ufficialmente di continui negoziati. “Ovviamente, sanno che non possiamo accettarlo. Se lo avessimo fatto, quale sarebbe stato il punto di Brexit?” ha detto la stessa fonte.

Le regole a cui si riferiscono sono una parte particolarmente spinosa delle negoziazioni chiamate “regole giuste del gioco”. Si tratta essenzialmente di un accordo su determinate norme e norme intese a impedire alle società da un lato di indebolire le società dall’altro. Il mercato unico dell’UE è il più grande blocco economico del mondo. La sua parità di condizioni è controllata dai tribunali e dalle istituzioni dell’UE. E se il Regno Unito vuole accedervi in ​​esenzione doganale dopo il periodo di transizione – come ha fatto lo scorso autunno Johnson quando ha firmato il suo primo accordo sulla Brexit con l’UE – allora l’UE lo avrà è necessario aderire a queste regole.

Ricorda la Brexit? Perché la Gran Bretagna potrebbe davvero lottare per uscire dalla recessione

La parità di condizioni non è l’unica area in cui Bruxelles e Londra non vedono gli occhi. Vi sono divergenze in merito ai diritti di pesca, alla sicurezza e alla governance ed esattamente ciò che sta accadendo sull’isola d’Irlanda. Tuttavia, i negoziatori a Londra e Bruxelles sono fiduciosi che una crisi tanto attesa causata dall’incombente bordo della scogliera riunirà le due parti. Lo stesso non si può dire delle differenze su una base uguale.

Il Regno Unito ha dichiarato che abbandonerà le sue ambizioni per il commercio esente da dazio con l’UE se l’UE abbassa i suoi requisiti per condizioni di parità. L’UE non è interessata a questa idea in quanto ritiene che non vi sia abbastanza tempo nel periodo di transizione per negoziare le tariffe.

Teoricamente, Johnson potrebbe risparmiare più tempo se volesse percorrere questa strada. Ha tempo fino al 31 giugno per richiedere una proroga del periodo di transizione. Tuttavia, sarebbe così politicamente tossico che al momento sembra impensabile per i consulenti di Johnson. È questa tossicità del dibattito sulla Brexit che non rende molto più probabile il fatto che ogni possibile capitolazione possa mettere Johnson in difficoltà con i suoi sostenitori.

Inoltre, la pandemia crea stranamente un’opportunità per mascherare il notevole impatto negativo che una Brexit senza un accordo potrebbe avere sull’economia del Regno Unito. “Esiste una certa logica nel dire che affrontiamo contemporaneamente i due disordini economici”, spiega Anand Menon, direttore del think tank UK in a Changing Europe.

“Dalle catene di approvvigionamento al modo in cui l’intera economia è gestita, tutto cambierà a causa di questo virus. Quindi anche se le due cose non sono realmente correlate e potrebbero peggiorare a vicenda, posso vedere alcune logica politica per fare tutto allo stesso tempo “.

La cosa migliore è che la pandemia sta creando un margine di manovra per consentire al governo di buttare soldi sui principali dossi stradali se dovesse accadere il peggio.

“Parti dell’economia saranno influenzate sia dalla Brexit che dal coronavirus”, ha affermato Raoul Ruparel, consigliere della Brexit per il predecessore di Johnson, Theresa May. “Se Johnson spendesse denaro del governo per mitigare l’impatto in queste aree, potrebbe scoprire che c’è meno opposizione rispetto a se stesse semplicemente spendendo i soldi per compensare l’impatto della Brexit da solo, perché c’è molta più unità in tutto lo spettro politico sulla necessità di tali spese per contribuire alla ripresa di Covid-19 “.

L'accordo commerciale con l'America non compenserà la Gran Bretagna per la perdita dei benefici dell'UE

A Bruxelles, gli Stati membri hanno concordato che non vi era alcun accordo alla fine dell’anno qualche tempo fa. “Non siamo più coinvolti emotivamente nelle decisioni del Regno Unito”, ha dichiarato un diplomatico europeo con sede a Bruxelles. “È un paese al di fuori dell’UE, siamo concentrati sul recupero dei nostri coronavirus”, ha affermato la stessa fonte.

Questo livello di disattenzione non è raro nelle istituzioni dell’UE, dove un funzionario dei negoziati ha detto con una scrollata di spalle che “il Regno Unito è libero di fare ciò che vuole” e che Bruxelles è pronto per un “vicolo cieco” alla fine di giugno. .

L’UE ha da tempo pensato di sopportare meglio lo shock senza un accordo rispetto al Regno Unito. “L’UE sa che si trova in una posizione più forte. Sì, nessun accordo è male per loro, ma molto peggio per il Regno Unito”, ha affermato Thomas Cole, ex negoziatore per l’UE. UNIONE EUROPEA. “È vero che entrambe le parti sono sovrane, ma sono molto consapevoli del fatto che non devono fare il tipo di concessioni che il Regno Unito deve fare”.

E proprio come nel Regno Unito, il coronavirus potrebbe facilitare alcuni calcoli a lungo termine senza un accordo per l’UE. “Paradossalmente, ciò potrebbe rendere alcuni aspetti di qualsiasi accordo più gestibili per l’UE”, ha dichiarato Fabian Zuleeg, direttore generale del Centro politico europeo. “Le aziende che stavano prendendo in considerazione la necessità di tagliare le loro operazioni in Europa dopo che Covid potrebbe decidere che è più facile chiudere completamente gli uffici e le fabbriche del Regno Unito. Questo in realtà risolve alcuni problemi in qualche modo.”

Naturalmente, nessuna delle parti vuole essere d’accordo, e i due stanno ancora dicendo ai giornalisti che sono determinati a superare questo punto morto e raggiungere una soluzione reciprocamente vantaggiosa. Tuttavia, è probabile che l’attuale colpa politica peggiorerà con il ruggito di giugno, se la storia della Brexit è tutt’altro che finita.

Se i colloqui falliscono, entrambe le parti si aspetteranno che l’altro provi a puntare il dito e giocare la vittima. Ciò potrebbe adattarsi politicamente a Johnson a breve termine, poiché incarna il leader coraggioso che resiste alle intimidazioni europee. Ma, come sottolinea Menon, il mondo post-Covid sta già cercando di essere un luogo disordinato e imprevedibile.

“Tutti sono arrabbiati con la Cina e Dio sa cosa accadrà alle elezioni americane”, ha detto. “Il Regno Unito vuole davvero avere contatti con l’Europa quando emerge dalla pandemia ed entra nel suo nuovo coraggioso futuro?”

Quindi, se Boris Johnson vuole davvero evitare di raggiungere un accordo, la combinazione dei colloqui è congelata, le due parti sono distratte da una pandemia e questa scadenza pressante di giugno dà un inizio infernale all’estate.

Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *