Marie Cau: primo sindaco transgender eletto in Francia

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

I consiglieri di Tilloy-lez-Marchiennes hanno eletto Marie Cau al municipio sabato

Una donna trans in Francia è stata eletta nel suo comune locale per diventare il primo sindaco apertamente transgender del paese.

Il consiglio di Tilloy-lez-Marchiennes, nel nord-est della Francia, ha scelto Marie Cau come nuovo sindaco sabato.

Il 55enne correva su una piattaforma per la sostenibilità ecologica e la costruzione dell’economia locale.

Parlando con l’agenzia di stampa AFP, Cau ha affermato di non essere “un’attivista” e di voler concentrarsi sulla politica municipale.

“La gente non mi ha eletto perché ero transgender o no, hanno eletto un programma”, ha detto Cau. “Questo è ciò che è interessante: quando le cose diventano normali, non ti distingui.”

Il ministro francese per l’uguaglianza di genere Marlène Schiappa ha twittato il suo sostegno di domenica.

“La visibilità dei trans e la lotta alla transfobia dipendono anche dall’esercizio di responsabilità politiche e pubbliche. Congratulazioni Marie Cau!”

I residenti di Tilloy-lez-Marchiennes – una città con meno di 600 residenti al confine con il Belgio – hanno votato alle elezioni comunali di marzo.

Hanno eletto tutti i consiglieri dalla lista “Decidi insieme”, compresa la signora Cau. Sabato, questi consiglieri hanno votato quasi all’unanimità per farla diventare il nuovo sindaco della città.

Stéphanie Nicot, cofondatrice dell’Associazione nazionale francese dei transessuali, ha affermato che le elezioni hanno dimostrato che “i nostri concittadini sono sempre più progressisti”, votando “il valore degli individui, indipendentemente dalla loro identità di genere “.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaTre persone transgender riflettono sul proprio viaggio

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *