Maschere pericolose per bambini sotto i due anni, avvertono gli esperti giapponesi

Le linee guida giapponesi sul coronavirus incoraggiano le persone a indossare maschere, ma i funzionari medici hanno avvertito i genitori di non metterli sui bambini poiché è difficile notare cambiamenti nel colore del viso, nell’espressione e nella respirazione , ha detto in un opuscolo.

“È possibile che le maschere impediscano ai bambini di respirare e aumentino il rischio di colpo di calore”, afferma opuscolo.

I neonati hanno vie aeree più strette e le maschere possono rendere più difficile la respirazione, aumentando il carico sui polmoni, continua.

Vi è anche un aumentato rischio di soffocamento, specialmente se i bambini piccoli vomitano dietro una maschera.

I bambini hanno un rischio relativamente basso di infezioni da coronavirus e l’associazione conclude che le maschere non sono necessarie per i bambini di età inferiore ai due anni.

La compagnia giapponese offre camere d'albergo inutilizzate per coppie come parte della chiusa di Covid-19

Lunedì il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha revocato lo stato di emergenza a livello nazionale. Era stato sul posto per quasi un mese, ma le autorità lo hanno sollevato una settimana prima del previsto.

Tuttavia, mercoledì mercoledì Abe ha esteso il divieto di viaggio a 111 paesi, tra cui Stati Uniti, India e Sudafrica.

L’elenco dei divieti è stato esteso questa settimana da 11 paesi e proibisce ai cittadini stranieri che sono stati in questi paesi di entrare in Giappone.

Il Giappone è appena entrato in recessione e molto peggio potrebbe essere in arrivo

I cittadini giapponesi possono ancora entrare nel paese, anche se dovranno sottoporsi a test medici e auto-quarantena per 14 giorni.

Il Giappone ha ora un totale di 16.581 casi confermati e 830 decessi correlati al coronavirus, secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University.
Adelmio C  Calabrese

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *