Mentre stavamo immagazzinando, questo è quello che gli astronauti hanno fatto nello spazio la scorsa settimana

Mentre molti di noi praticano la distanza sociale, lavorano da casa o vivono in situazioni di quarantena e isolate, la vita continua come al solito per gli astronauti della stazione spaziale.

Sono consapevoli della pandemia e hanno condiviso il loro supporto per le persone in tutto il mondo tramite i loro account Twitter. L’astronauta della NASA Jessica Meir ha condiviso il suo punto di vista: “Da lassù, è facile vedere che siamo davvero tutti nella stessa barca. #EarthStrong.”

Ma gli astronauti non si limitano a galleggiare e scattare splendide foto della Terra. Ogni settimana alla stazione sono in corso centinaia di esperimenti scientifici. Oltre a lavorare su questi esperimenti, gli astronauti si studiano per comprendere meglio il corpo umano nello spazio.

Ecco un assaggio della fantastica scienza che hanno eseguito a 400 chilometri dalla Terra.

Pantaloni spaziali

Vivere nello spazio è un adattamento per il corpo umano perché si adatta alla mancanza di gravità.

Nel corso degli anni, gli astronauti hanno notato cambiamenti nella loro visione in risposta al cambiamento fluido verso l’alto che sperimentano. Aumenta anche la pressione nella testa.

La scorsa settimana, gli astronauti della NASA Jessica Meir e Andrew Morgan, così come il cosmonauta russo Oleg Skripochka, hanno testato l’equipaggiamento russo Chibis, noto anche come esperimento di pressione negativa della parte inferiore del corpo dell’Agenzia. Spazio russo.

È essenzialmente un paio di pantaloni alloggiati nel segmento orbitale russo della stazione spaziale.

Gli astronauti hanno sperimentato un flusso sanguigno inverso e coaguli di sangue sulla stazione spaziale, secondo uno studio

I pantaloni di gomma usano l’aspirazione per riportare i liquidi alle gambe e ai piedi, proprio come siamo abituati a camminare sulla Terra.

I ricercatori sperano che il materiale utilizzato per invertire l’esperienza degli astronauti con un fluido cambiamento nello spazio possa anche aiutare i loro cambiamenti visivi.

Mentre Morgan indossava i pantaloni Chibis, Meir usava un tonometro per misurare la pressione oculare, con i dottori sulla Terra che guardavano in tempo reale. Anche la testa e il petto di Morgan sono stati scansionati per monitorare il flusso sanguigno.

Gli astronauti hanno anche testato l’udito nell’ambito dell’esperimento diagnostico acustico dell’Agenzia spaziale europea per monitorare se l’udito degli astronauti cambia in risposta al rumore e alla mancanza di gravità nella stazione.

Cuore, muscoli e ossa

Molti esperimenti sono attualmente in corso sulla stazione che potrebbero non solo giovare alla salute degli astronauti, ma anche alla vita umana sulla Terra.

Due diversi esperimenti si concentrano sulla crescita di cellule cardiache sane dalle cellule staminali per vedere se diventano più facili e veloci in assenza di gravità.

Queste cellule potrebbero trattare gli astronauti che hanno anomalie cardiache e possono essere usati per trattare persone e bambini con malattie cardiache e disturbi sulla Terra. Le cellule possono anche essere utilizzate per studiare lo sviluppo di nuovi prodotti farmaceutici.

Le cellule del cuore che batte battono un colpo alla Stazione Spaziale Internazionale

Un esperimento, chiamato Engineered Heart Tissues, consente agli astronauti di monitorare le contrazioni muscolari delle cellule cardiache in tempo reale.

Meir e Morgan si sono presi cura delle cellule del cuore, osservando come reagiscono alla mancanza di gravità. Quando le cellule cardiache torneranno sulla Terra, i risultati dell’esperimento spaziale saranno confrontati con un simile esperimento di controllo sulla Terra.

& # 39; Topi potenti & # 39; schizzi sulla Terra dopo essere rimasti sulla stazione spaziale

Gli astronauti hanno anche studiato campioni ossei per comprendere e sviluppare trattamenti ossei per gli astronauti che soffrono di perdita ossea nello spazio, nonché per le persone con diagnosi di osteoporosi sulla Terra. L’obiettivo è determinare nuovi trattamenti per entrambi.

I topi condividono anche lo spazio sulla stazione con gli astronauti in un habitat di topo in modo che possano studiare come i topi e la loro espressione genica rispondono alla gravità zero.

Morgan conduce ricerche cardiache all'interno della borsa portaoggetti portatile.

Comprendere come viene cambiata l’espressione dei loro geni può aiutare la NASA a prepararsi meglio al volo spaziale umano a lungo termine. Lo studio ha anche uno scopo secondario di consentire loro di determinare contromisure per l’atrofia muscolare, che può verificarsi nello spazio o per i pazienti a riposo a letto.

È tutto nelle tue viscere

È improbabile che gli astronauti modifichino la dieta nello spazio. Ciò significa che potrebbero anche mancare nutrienti essenziali e altri benefici aggiuntivi dai cibi freschi che mangiamo sulla Terra.

La lattuga coltivata nello spazio è sicura da mangiare, secondo i risultati dello studio. Delizioso, dicono gli astronauti

L’indagine sui probiotici dell’Agenzia spaziale giapponese sta studiando come i batteri intestinali buoni potrebbero migliorare il microbioma umano nelle missioni a lungo termine.

Nel frattempo, anche gli astronauti partecipano a un esperimento chiamato Food Accceptability, che esamina la “fatica da menu” che si verifica quando mangiano in base alle opzioni limitate per mesi alla stazione. Questo di solito li fa perdere peso quando ritornano sulla Terra.

Fortunatamente, gli astronauti stanno anche coltivando attivamente lattuga nello spazio, e finora è stato dimostrato che è sicuro da mangiare. La capacità di coltivare prodotti freschi nello spazio potrebbe essere un punto di svolta per gli astronauti a lungo termine.
Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *