Milton Glaser: il graphic designer dietro il logo “I ♥ NY” muore a 91 anni

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaMilton Glaser afferma che adoro il design di New York “non ho quasi mai visto la luce del giorno”

Milton Glaser, l’influente graphic designer americano che ha creato il logo “I ♥ NY”, è morto all’età di 91 anni.

Progettato per una campagna turistica nel 1977, il logo ha rapidamente ottenuto il riconoscimento mondiale ed è stato descritto come il più frequentemente imitato nella storia.

Glaser in seguito ha dichiarato di essere “sbalordito da quello che è successo a questa piccola idea semplice”.

Ha anche creato un famoso poster di Bob Dylan con i capelli psichedelici ed è stato co-fondatore della rivista di New York.

La causa della sua morte fu un colpo, sua moglie Shirley ha detto al New York Times.

Copyright dell’immagine
AFP

Leggenda

Milton Glaser ha ricevuto la National Medal of the Arts nel 2010 dall’allora presidente Barack Obama

Glaser è nato nel Bronx nel distretto di New York nel 1929. Ha studiato alla Cooper Union for the Advancement of Science and Art, un college di Manhattan, e all’Accademia di Belle Arti di Bologna, in Italia.

Nel 1954, Glaser ha creato Push Pin Studios con tre compagni di classe della Cooper Union e ha contribuito a portare un nuovo linguaggio visivo nell’arte commerciale, traendo ispirazione da tutto, dall’Art Nouveau al disegno cinese, Xilografie e cartoni animati tedeschi degli anni ’30.

Il suo poster di Bob Dylan era una silhouette del musicista basata su un autoritratto di Marcel Duchamp e ciocche di capelli dai colori vivaci presi in prestito dall’arte islamica. Il poster è stato incluso nell’album Greatest Hits di Dylan del 1967, acquistato da sei milioni di fan e decorato con innumerevoli pareti.

Copyright dell’immagine
Michael Ochs Archives / Getty Images

Leggenda

Il poster di Greatest Hits di Bob Dylan è stato ispirato da Marcel Duchamp e dall’arte islamica

Nel 1968 Glaser ha co-fondato la rivista New York ed è stato il suo direttore del design per nove anni.

“Intorno al nostro ufficio, ovviamente, farà sempre parte del piccolo gruppo di uomini e donne che, alla fine degli anni ’60, strapparono New York dall’obitorio e lo trasformarono in una grande rivista americana” , necrologio della rivista ha detto.

Nel 1974, ha fondato la sua società di design, Milton Glaser, Inc.

Tre anni dopo, ha disegnato il logo gratuito “I ♥ NY” per aiutare a promuovere il turismo nella sua città natale, tra un’ondata di criminalità e una crisi finanziaria. Ha avuto l’idea salendo su un taxi e scarabocchiato a matita rossa su una busta, che fa ora parte della collezione permanente del Museum of Modern Art (MoMA).

“È una di quelle peculiarità della tua stessa vita in cui non conosci le conseguenze delle tue stesse azioni” ha detto al New York Times nel 2008. “Chi al mondo avrebbe pensato che questo stupido pezzettino di mayflies sarebbe diventato una delle immagini più comuni del 20 ° secolo?”

Dopo gli attacchi dell’11 settembre, Glaser ha rilasciato una versione modificata del logo con un cuore contuso e ha detto “I ♥ NY PIÙ DI MAI“.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Dopo gli attacchi dell’11 settembre, il Daily News ha stampato una versione modificata del logo “I ♥ NY”

Glaser è anche noto per il suo design Manifesto e simbolo internazionali dell’AIDS dell’Organizzazione mondiale della sanità, il logo per il birrificio brooklyn, e una pubblicità per l’ultima serie di Mad Men.

Nel 2004, il Cooper-Hewitt, Smithsonian Design Museum gli ha assegnato un premio per tutti i suoi successi. Nel 2009, ha ricevuto la National Medal of the Arts.

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *