Mount Rushmore: Trump ospiterà l’evento del 4 luglio nonostante i problemi di virus

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Il presidente Trump ha criticato l’evento a Mount Rushmore, che rappresenta quattro ex presidenti degli Stati Uniti

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si recherà a Mount Rushmore venerdì sera per celebrare le celebrazioni del 4 luglio negli Stati Uniti, nonostante le preoccupazioni per un aumento dei casi di coronavirus.

Uno spettacolo pirotecnico si svolgerà presso il monumento del South Dakota, che presenta i volti scolpiti di quattro presidenti americani.

Si prevede che circa 7.500 persone parteciperanno all’evento pre-indipendenza.

Trump, che ha promesso “un meraviglioso 3 luglio”, dovrebbe tenere un discorso.

Le maschere saranno disponibili ma non necessarie e le distanze sociali non saranno rigorosamente applicate.

La visita di Trump ha sollevato preoccupazioni per la potenziale diffusione di Covid-19, preoccupazioni per gli incendi legati ai fuochi d’artificio e le proteste dei gruppi di nativi americani.

Gli attivisti hanno contestato a lungo il monumento al Monte Rushmore, che fu costruito su un terreno sacro per la tribù Sioux. Due degli ex presidenti rappresentati – George Washington e Thomas Jefferson – possedevano schiavi.

La decisione di organizzare un evento è controversa in un momento in cui le statue dei generali confederati e dei proprietari di schiavi vengono rivalutate e, in molti casi, demolite, tra le proteste anti-razzismo.

  • Perché questo giorno dell’indipendenza sarà come nessun altro
  • 4 luglio: cos’è il Giorno dell’Indipendenza?

Parlando con Fox News questa settimana, il governatore repubblicano del South Dakota Kristi Noem ha detto che all’evento all’aperto saranno disponibili maschere gratuite per coloro che scelgono di indossarle, ma “non prenderemo nessuna distanza sociale “.

“Abbiamo detto a queste persone che temono di poter rimanere a casa”, ha detto.

Cosa sta aspettando Trump?

Trump terrà un discorso all’ombra di George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln, le cui teste sono scolpite dal granito del Monte Rushmore.

Un funzionario della campagna Trump ha detto che il presidente, che ha condannato la rimozione delle statue da parte dei manifestanti, denigrerebbe coloro che hanno tentato di “demolire” gli Stati Uniti.

“La folla a sinistra e coloro che praticano la cancellazione della cultura adottano un comportamento totalitario completamente estraneo alla vita americana – e non dobbiamo accettarlo”, ha detto il funzionario, riassumendo i commenti attesi dal signor Trump.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

Trump terrà un discorso all’ombra del Monte Rushmore

Questi saranno i primi fuochi d’artificio sul Monte Rushmore in oltre un decennio, dopo che un divieto fu imposto per motivi ambientali.

Trump ha predetto “fuochi d’artificio come pochi hanno visto” nel South Dakota, uno stato che ha vinto alle elezioni americane del 2016.

Il monumento è circondato da una foresta nazionale e alcuni temono che il display possa iniziare gli incendi boschivi con il pennello asciutto, anche se i funzionari locali hanno dichiarato che il rischio era basso.

L’evento di venerdì è l’ultimo ospitato dal presidente Trump durante la pandemia di coronavirus mentre cerca di licenziare i suoi sostenitori prima delle elezioni presidenziali di novembre.

Il presidente ha recentemente ospitato importanti eventi in Oklahoma e in Arizona, sollevando critiche per il rischio di ulteriori epidemie mentre i casi di Covid-19 continuano a intensificarsi in tutto il paese.

Giovedì, gli Stati Uniti hanno registrato il maggior numero di nuovi casi di coronavirus in un solo giorno dall’inizio della pandemia.

Che cosa hanno detto gli amerindi sull’evento?

I gruppi di nativi americani hanno criticato la visita di Trump per aver presentato un potenziale rischio per la salute e per aver celebrato l’indipendenza degli Stati Uniti in un campo a loro sacro.

Il monumento del Monte Rushmore fu scolpito tra il 1927 e il 1941, ma la terra su cui si trova – nelle Black Hills del South Dakota – fu presa dai nativi del Lakota Sioux dal governo degli Stati Uniti nel 1800.

“Il presidente sta mettendo in pericolo i nostri membri tribali ospitando un servizio fotografico in uno dei nostri luoghi più santi”, ha dichiarato Harold Frazier, presidente della tribù Sioux del fiume Cheyenne.

Copyright dell’immagine
Getty Images

Leggenda

I gruppi amerindi protestano contro l’evento, che hanno descritto come irrispettosi

Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *