nessuna ironia, ma nessun applauso

Non vedevo l’ora che il Milan tornasse in Europa, anche se non è campione, e non mi nascondo che mi piacerebbe vincerla l’anno prossimo, l’Europa League. Non trasformerò quindi questa Coppa nel primo trofeo dei perdenti (Antonio Conte ha già pensato a queste sfortunate definizioni) perché l’Inter è in finale, anche se ci è scivolata in uscita al primo turno di Champions League: il Il club nerazzurro sta facendo bene dopo la chiusura, meritava di arrivarci e in campionato ha colmato il gap con la Juventus, anche se il punto di differenza nella classifica finale è incerto. Hanno un campione, Lukaku; uno in prospettiva, Lautaro; un paio di campioni consacrati e due futuri. Un allenatore che molti vorrebbero essere in panchina. Va bene. Finisce qui. Nessuna ironia, per quanto mi riguarda: se ci hanno giocato … e lo vinceranno con merito, bravo. Nessuno, però, ha il diritto di chiederci di incoraggiarli o di non incoraggiarli: farebbero lo stesso al contrario, lo fanno da 25 anni. Congratulazioni, nel caso vincessero con merito. Punto. E semmai complimenti a Suso, nell’altro caso … so che ai tifosi di tutte le squadre, a cui stanno a cuore i beniamini, non piace Mino Raiola: è colpa sua se ha fatto così bene il suo lavoro secondo me: Raiola è un sostenitore dei conti in banca, non dei colori sociali. Per inciso, spende anche molto per alimentare la sua rete di collaboratori e scouting. Fa parte del lavoro. Il Milan vuole Ibra e Ibra vuole il Milan. Il Milan vuole Donnarumma e Donnarumma vuole il Milan. Bene, monetizziamo. Questa è la sua filosofia, la filosofia di Raiola. Quello che devi sapere è che non si tratta solo di soldi. Mino Raiola è indirettamente “nostro” alleato, cari amici, anche se potrebbe non piacere: chiede ai suoi clienti, due colonne rossonere, di non diventare parafulmini e di giocare in una squadra sempre più forte. . Chiedono un mercato importante, perché questa è la condizione che Ibra e soprattutto Gigio chiedono per il loro futuro, uno per un anno, l’altro per … venti! I bonus e le clausole risolutive riguardano il collocamento a fine stagione, oltre alle sue provvigioni. Non trovo nulla di strano lì e anzi continuo a considerare positivo il fatto che la proprietà sia orientata a far loro piacere. Il mercato si muove lentamente e sotto il radar: durante le ultime sedute, estive e invernali, il Milan si è sempre mosso di sorpresa e senza scappare dalle notizie. Immagino, e spero, che sia la stessa cosa anche questa volta: la fallita rivoluzione di Rangnick, le 12 esibizioni clamorose dopo la serrata, l’atmosfera creata tra Pioli e lo spogliatoio, la stima di Sé che è aumentata notevolmente e soprattutto la fiducia nel voler riprendere, dalla luce del giorno. rally, questo trend positivo deve essere corroborato dai rinforzi necessari per puntare al podio. Sul podio, non al 4 ° posto.

Avatar

Adelmio C  Calabrese

Adelmio ha recensito gadget per oltre 5 anni e ha iniziato la sua carriera rivedendo smartphone. Ha iniziato a recensire gli smartwatch quando Android Wear era una cosa e continua a rivedere i dispositivi indossabili per il fitness. Un audiofilo, ogni tanto rivede anche i prodotti audio. Mentre rivedere gli smartphone lo tiene impegnato durante la settimana, ama distendersi facendo lunghi viaggi durante i fine settimana. Un completo benzinaio che ama la tecnologia e può parlare di bhp e GHz per tutto il giorno. È un amante della tecnologia e anche un grande giornalista di Breaking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *