Pavimento a mosaico romano trovato sotto il vigneto italiano

Copyright dell’immagine
Comune di Negrar di Valpolicella

Leggenda

Le autorità locali affermano che i ricercatori hanno scoperto la villa sul posto più di un secolo fa

Un pavimento a mosaico romano è stato scoperto sotto un vigneto nel nord Italia dopo decenni di ricerche.

Gli ispettori del comune di Negrar di Valpolicella a nord di Verona hanno pubblicato immagini delle piastrelle ben conservate sepolte sotto metri di terra.

I funzionari affermano che i ricercatori hanno scoperto per la prima volta una villa romana oltre un secolo fa.

I tecnici stanno ancora lentamente scavando il sito per vedere l’intera estensione del vecchio edificio.

Le immagini pubblicate online mostrano il mosaico vergine e le basi della villa.

Una nota sul sito web della città gli scavatori alla fine scoprirono “dopo decenni di tentativi falliti”.

I geometri collaboreranno con i proprietari del vigneto e del comune “al fine di identificare i mezzi più appropriati per rendere questo tesoro archeologico nascosto sotto i nostri piedi disponibile e accessibile”.

I tecnici avranno bisogno di “risorse significative” per completare il lavoro. Ma le autorità locali si sono impegnate a fornire “tutta l’assistenza necessaria” per continuare gli scavi.

  • “Indiana Jones of art” scopre un mosaico rubato
  • Una villa romana scoperta “per caso”

Pompei – la città romana sepolta dopo l’eruzione del Vesuvio – è stata riaperta ufficialmente martedì dopo mesi di chiusura a causa della pandemia di coronavirus.

La famosa Acropoli greca ha riaperto i battenti all’inizio di questo mese.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaIl pittore guerrigliero illumina la sua città
Italo V  Lucciano

Italo V  Lucciano

Lucciano è caporedattore del National News Desk di Dico Digital, supervisionando la copertura delle ultime notizie sugli eventi nazionali. Da quando è arrivato a Dico News da Charlotte Observer nel 2018, ha avuto una mano in storie come il disastro petrolifero della BP, la morte di Osama bin Laden, le riprese della scuola di Sandy Hook e le conseguenze di Superstorm Sandy. Vive per le scadenze e le sue due giovani figlie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *